Come sarà il tempo durante il mese di marzo 2015? Arriverà la tanto attesa primavera oppure saremo costretti a fare i conti di nuovo con le piogge e con un nuovo calo delle temperature in tutto il Paese? Le previsioni meteo aggiornate del mese di marzo 2015 rivelano che i primi giorni non saranno affatto "positivi" e non faranno per nulla sperare in un arrivo imminente della primavera. Il mese di marzo, infatti, si aprirà con una nuova ondata di piogge e di maltempo che colpirà nello stesso modo sia le regioni del nord che quelle del sud Italia.

Le piogge in particolare saranno decisamente molto più abbondanti e copiose rispetto a quelle che ci sono state nel corso del mese di febbraio 2015.

Stando alle Previsioni meteo degli esperti, questa nuova ondata di maltempo e piogge, che potrebbe essere accompagnata anche da nevicate abbondanti sulle alture alpine, interesserà l'Italia per i primi dieci giorni del mese di marzo.

Meteo marzo 2015 in Italia: la primavera si farà attendere?

In generale, però, questa sarà la tendenza per buona parte del mese di marzo; dalla seconda decade, infatti, è previsto un lieve miglioramento delle condizioni climatiche che si accompagnerà ad un netto rialzo delle temperature che in molte regioni toccheranno i 16-17 gradi.

Tuttavia le giornate calde e soleggiate si alterneranno a giornate piovose, dove i temporali saranno anche abbastanza intensi. Questo, quindi, significa che quest'anno la primavera non arriverà "in anticipo" così come canta Laura Pausini, ma si farà attendere un po'; marzo, infatti, rispetterà la tradizione che definisce questo mese "pazzerello" e quindi per vedere giornate di sole intenso dovremo attendere soltanto il mese di aprile, quando la primavera entrerà nel pieno della sua attività.

Tutti coloro che speravano di riporre nell'armadio i giubbini e gli ombrelli dovranno attendere ancora un po' di tempo; per tutto il mese di marzo 2015, infatti, saranno ancora utili, così come sarà utile coprirsi bene ed evitare gli sbalzi di temperatura che potrebbero essere "fatali" per il nostro organismo e costringerci a letto con l'influenza.