Manca ancora un mese ma già è stata programmata la rassegna "cucina delle Alpi" che si terrà dal 4 marzo al 29 aprile 2017 a Corna Imagna, paese di medie dimensioni situato in valle Imagna, in provincia di Bergamo. Si tratta di un evento volto a riscoprire gli elementi legati al paesaggio, alla gastronomia e alla cultura delle aree alpine. Per l'esattezza, si tiene in un locale chiamato Bibliosteria Ca' Berizzi, in quanto ha la duplice funzione di osteria e di biblioteca, e gestito dalla famiglia Berizzi.

Le aree culturali alpine che sono state coinvolte sono quattro e vanno dal Piemonte al Friuli: valle stura di Demonte (CN), alta Valsesia (VC), valle del Fersina (TN), Valsugana-Lagorai (TN), Gemonese (UD). La manifestazione è stata organizzata grazie alla collaborazione di alcuni ecomusei ed associazioni situati appunto in quelle aree: Ecomuseo delle acque del Gemonese, Gemona (UD); Libera associazione pastori e malghesi del Lagorai, Telve (TN); Associazione culturale Schratl, Palù del Fersina/Palai en Berstol (TN); Associazione Gruppo Walser Carcoforo, Carcoforo (VC); Ecomuseo della Pastorizia di Pontebernardo, Pietraporzio (CN).

Da notare che quattro di queste realtà rappresentano minoranze etnico-linguistiche presenti in Italia: gli Occitani, i Mocheni, i Walser, i Friulani.

Mese di marzo

Sabato 4 marzo verrà presentata a Corna Imagna la cucina tipica del Lagorai e della Valsugana, regioni delle montagne trentine: l'ospite sarà Luigi Montibeller, che presenterà come piatti la polenta di mais Spin (una varietà locale tipica di quell'area) e la minestra di orzo con porcini del Lagorai e latte crudo (i vini d'accompagnamento saranno Rebo e Chardonnay).

Sabato 18 marzo verranno invece presentati piatti tipici della Valsesia - valle sui monti del Piemonte - risalenti al '400-'500: verranno così servite portate con formaggi locali quali la toma ed il salagnun e poi le miacce, focacce di farina bianca passate fatte su un ferro per poi essere impastellate e farcite con lardo e mocetta (i vini d'accompagnamento saranno quelli dei colli novaresi con uve Nebbiolo).

La tradizione dei prodotti da forno fatti con farine locali è diffusa in tutta Italia con molteplici tipologie, dal pane di San Giuseppe siciliano al pane di segale altoatesino.

Mese di aprile

Sabato 1 aprile verrà presentata la cucina tipica del Gemonese, area del Friuli alle pendici delle Prealpi Giulie: in particolare, ci saranno il pane di sorgo ed il formaggio della latteria turnaria (con questo termine s'intende un tipo di istituzione tradizionale friulana consistente in un caseificio a gestione multifamiliare che prende latte da diverse fattorie e lo lavora collettivamente). Sabato 24 aprile verranno presentati piatti della valle trentina del Fersina, per l'esattezza quelli tipici della tradizione mochena, in particolare farinacei come i Kropfen e gli Stelzer.

Sabato 29 aprile verranno presentati i prodotti legati alla razza ovina sambucana, della valle Stoura di Demonte (Piemonte), come il formaggio toumo e la carne di agnello; sarà presente un esperto dell'Ecomuseo della Pastorizia che presenterà il patrimonio storico-culturale della valle Stura. L'uso del latte per la preparazione di prodotti tipici è diffuso ovunque in Europa, basti pensare che oltre ai formaggi si producono yogurt, panna e crema pasticciera.

Costi

Gli ingressi sono liberi, mentre le cene che saranno dopo ogni incontro saranno di 30 euro ciascuna; chi parteciperà a tutte e cinque le cene, non pagherà l'ultima.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!