La sonda spaziale New Horizons della NASA ha sorvolato il corpo celeste 2014 MU69 noto come "Ultima Thule" nelle prime ore del capodanno, inaugurando una nuova era dell'esplorazione della misteriosa fascia di Kuiper. Una zona di oggetti primordiali chiamati transnettuniani che risalgono alla nascita del sistema solare dove risiedono le chiavi per comprendere le origini dell'universo. L'oggetto più importante della fascia di Kuiper è Plutone, un pianeta nano, che nel 2015 fu già sorvolato dalla sonda New Horizons.

Pubblicità
Pubblicità

Le dichiarazioni di Jim Bridenstine

"Congratulazioni al team della New Horizons della NASA, al laboratorio di fisica Johns Hopkins e al Southwest Research Institute per aver fatto di nuova la storia. Oltre ad essere stata la prima sonda ad esplorare Plutone, oggi la New Horizons ha volato sull'oggetto più distante mai visitato da un veicolo spaziale ed è il primo esploratore di un oggetto contenente i resti della nascita del nostro sistema solare" sono state le parole di Jim Bridenstine, amministratore dell'agenzia spaziale americana NASA National Aeronautics and Space Administration.

Le dimensioni e la forma

Le misure preliminari di Ultima Thule sono di 32 chilometri di lunghezza per 16 di larghezza.

Le prime immagini di Ultima Thule
Le prime immagini di Ultima Thule

Le immagini scattate dalla New Horizons a soli 3.500 chilometri dall'oggetto celeste hanno rivelato una possibile forma simile ad un birillo, ruotando da una parte all'altra. Dalle prime foto in bianco e nero e a bassa risoluzione si evidenzia un corpo celeste dalla forma di una nocciolina con una strozzatura al centro. Quindi gli scienziati da queste immagini hanno affermato che il corpo celeste è formato da due sfere che hanno gravitato lentamente l'una verso l'altra fino a fondersi insieme. I dati di Flyby hanno dimostrato che Ultima Thule ruota come un'elica con l'asse che punta verso nuovi orizzonti.

Pubblicità

New Horizons

Il veicolo spaziale New Horizons continuerà a scaricare immagini e altri dati nei prossimi giorni, completando il ritorno di tutti i dati scientifici per altri 20 mesi. Quando New Horizons è stato lanciato nel gennaio 2006, George W.Bush era alla Casa Bianca. Quindi sono passati già 13 anni dal lancio del veicolo spaziale. La missione di esplorazione della fascia di Kuiper finirà nel 2021. E i membri del team di cui fa parte anche la romana Francesca Scipioni, prevedono di proporre ancora più esplorazioni nella cintura di Kuiper.

Clicca per leggere la news e guarda il video