Vasco Rossi, la rockstar di Zocca, mercoledì 8 gennaio ha visitato l'ospedale Rizzoli di Bologna come ospite del progetto Star-Therapy alla quale ha preso parte nel 1995. A dicembre 2019 anche Gianni Morandi e Renato Zero sono stati al "Rizzoli" per portare la felicità all'interno dell'ospedale. Il progetto è stato proposto dal dr. Dario Cirrone che da 25 anni propone questa iniziativa. Vasco Rossi, in un intervista, racconta: "È importante portare ai bambini un po' di distrazione, darò a tutti un abbraccio, la sofferenza è terribile, ti fa capire tante cose. Da 25 anni mi ha convinto l'entusiasmo delle idee di Cirrone, quello di portare la gioia dentro un ospedale, e io che dall'ospedale ci sono passato lo so bene quanto conti".

Vasco, come da tradizione, ha portato i doni e ha fatto i selfie con i bambini e ragazzi dell'ospedale. Ha visitato, accompagnato da Dario Cirrone e la moglie Angela Mascara, i reparti di oncologia, pediatria e chemio terapia.

L'umiltà dell'uomo più semplice che c'è

Vasco rossi è riuscito a entrare nei cuori dei bambini con "grande umiltà". Cosi ha parlato ai microfoni della stampa il Dr. Dario Cirroni. Essendo una star è abituato a scenari molto più importanti ma possiamo dire che il progetto a cui a preso parte sia una delle cose più belle che abbia mai fatto. Mercoledì pomeriggio è riuscito a regalare un sorriso a chi un sorriso prima non lo aveva.

Vasco Rossi e il suo periodo di malattia

Nel 2011 si allontanò dai palchi a causa di una malattia che lo portò quasi sul punto di lasciare la musica.

Riuscì ad uscire da questa malattia, ed è lui stesso a definirla "una guerra contro il batterio killer che ho battuto". Ebbe un'infezione polmonare che riuscì a sconfiggere grazie all'aiuto dei famigliari. Nell'ultimo periodo però era stanco e, sopraffatto dai cattivi pensieri diede le dimissioni da cantante.

Nel 2012 ebbe un altro bruttissimo periodo. "Non mi muovevo più bene, iniziavo a non essere più autosufficiente, un braccio mi si era bloccato". Successivamente i dottori gli dissero che la colpa era dei medicinali e sospese le cure. Da qui iniziò un percorso di riabilitazione motoria.

Lo Star-Therapy e i bambini del 'Rizzoli'

Vasco Rossi è stato molte volte "sul punto di lasciarsi andare" e lo scrive nella nuova canzone pubblicata il 25 ottobre 2019 però, chissà quante volte ha pensato "quante volte sono arrivati i guai, anche se ero già migliore ormai". Le sue canzoni ci arrivano sempre come pugni nel cuore e li rimangono per sempre. Con il progetto Star-Therapy, mercoledì, è riuscito a entrare nel cuore di questi bambini e molto probabilmente il ricordo sarà sempre vivo dentro di lui.

Segui la pagina Vasco Rossi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!