Il quotidiano genovese " Il Secolo XIX", nella giornata del 28 dicembre 2013, diffonde una indiscrezione a dir poco clamorosa. Silvio Berlusconi, onnipotente Presidente del Milan, parlando con alcuni dei suoi uomini più fidati in Forza Italia, avrebbe fatto loro una confidenza, manifestando la sua ferma intenzione di cedere l'attaccante principe della squadra, quel Mario Balotelli da lui definito a suo tempo, prima che approdasse a Milanello, "una mela marcia".

Secondo il quotidiano, il Presidente, profondamente deluso dagli scadenti risultati agonistici della squadra e pesantemente irretito dalle incertezze societarie, sarebbe sbottato in questa esclamazione: "Basta, ho deciso, vendo Balotelli.

Mario deve lasciare subito il Milan, è ufficialmente sul mercato".

Non è dato sapere, se, da Presidente, sia sua intenzione dare una decisa sterzata al cammino della società rossonera oppure picchiare i pugni sul tavolo, per fare chiarezza nella confusione societaria, per far capire a qualcuno che il presidente è sempre lui, pertanto le decisioni che contano sempre lui le prende, fatto sta che, se l'indiscrezione si rivelasse verità, non sarebbe di poco conto.

Che Berlusconi non abbia mai stimato umanamente e caratterialmente Mario Balotelli non è di certo una novità. Che, ad un anno dal suo approdo a Milanello, il suo rendimento si stia rivelando inferiore alle grandi aspettative riposte in lui altrettanto, per cui l'affermazione non pare affatto campata per aria, bensì piuttosto plausibile.

Sempre prestando fede a quanto scrive "Il Secolo XIX", Berlusconi avrebbe preso la decisione in pieno accordo con la figlia Barbara e avrebbe informato soltanto dopo l'Amministratore Delegato per il settore tecnico Adriano Galliani, ritenuto il principale responsabile di una scelta, a suo giudizio, assolutamente sbagliata, quella di aver voluto a tutti i costi portare a Milano un giocatore tecnicamente e caratterialmente difficile da gestire.

Al tandem Galliani-Raiola spetta ora il compito di trovare una nuova  sistemazione al giocatore, partendo da una valutazione non inferiore al 25 milioni di euro. Squadre disposte ad acquistarlo pare proprio che non ne manchino, a partire da Chelsea e Paris Saint Germain, ma non sono da escludere nemmeno piste nostrane. Il giocatore sarà pure criticato e disprezzato, ma nessuno può mettere in dubbio le sue straordinarie qualità tecniche, capaci di cambiare volto ad una squadra, pertanto molti di più potrebbero essere i pretendenti al suo cartellino.

Naturalmente la società A.C. Milan smentisce risolutamente le affermazioni attribuite al Presidente, ma proprio la società stessa insegna, che quasi sempre le smentite corrispondono a conferme.