A Istanbul le condizioni atmosferiche avverse erano previste, come era prevista la neve, ma la realtà ha superato ogni previsione. La pioggia del mattino verso l'ora di pranzo è divenuta grandine e, ad un'ora dal calcio d'inizio della gara, il cielo si è riempito di fiocchi bianchi.

Tutti si aspettavano due ore di fuoco agonistico nell'inferno della Turk Telecom Arena, invece su Istanbul si è scatenata una intensa e abbondante nevicata, quale da tempo non si vedeva da quelle parti, che ha obbligato l'arbitro portoghese Proenca ad interrompere il gioco al trentunesimo minuto del primo tempo.

Per l'esattezza il direttore di gara ha interrotto il gioco al minuto 28 e le due squadre sono uscite dal campo al minuto 31, dopo che l'arbitro stesso aveva costatato che il campo di gioco era diventato pericoloso per l'incolumità dei giocatori. L'interruzione è stata preceduta da alcuni stranissimi minuti nei quali il manto si è imbiancato e sono scomparse le linee di gioco.

L'arbitro Proenca dapprima ha fatto ricorso al pallone fosforescente e poi, dopo aver sentito il parere dei capitani Buffon e Inan, al trentunesimo minuto ha mandato le squadre a ripararsi sotto il tunnel dell'ingresso al campo.

Dopo oltre mezz'ora di attesa, con gli inservienti che cercavano di rendere agibile il campo, continue folate di vento hanno ammassato neve alta vari centimetri e il direttore di gara ha preso la decisione di rinviare il confronto. 

L'annuncio è stato accolto da una ondata di fischi condivisi dai tifosi turchi e juventini. La partita dovrebbe riprendere oggi alle 15.00 ora locale, le 14.00 in Italia, come disposto a notte inoltrata dall'Uefa. Si ripartirà dal minuto 31, non dimenticando i vari minuti di recupero già accumulati.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus Champions League

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto