La partita tra Roma e Juventus, giocata ieri e finita 1-0per la squadra capitolina, ha portato con sé qualche strascico di polemiche,tra cui l’espulsione di Benatia richiesta dalla Juventus per fallo su Giovincoe il gol annullato a Peluso.

Partiamo proprio da quest’ultimo episodio: siamo al 1’ digioco del secondo tempo, Vidal riceve palla sulla fascia e crossa in mezzo,irrompe Peluso che, tutto solo, batte Da Sanctis. I giocatori della Juventusesultano, quelli della Roma sembrano non crederci, quando arriva il fischiodell’arbitro ad annullare il gol di Peluso.

Era regolare? Secondo ilguardalinee la palla era uscita nella traiettoria disegnata da Vidal, quindi difatto non possiamo neanche parlare di gol annullato.

Purtroppo le immagini non chiariscono la dinamica e nonpermettono di stabilire se il gol di Peluso fosse regolare o meno. In questicasi, allora, bisogna affidarsi per forza all’interpretazione del guardalinee,ottimamente posizionato e in grado di stabilire se la traiettoria fosse o menoal di fuori della linea di fondo.

Anche Conte, nel dopogara, non ha insistito sulla regolaritàdel gol di Peluso: “Secondo me la palla era dentro di un bel po’”, si èlimitato a commentare, lanciando anche una frecciatina ironica: “Menomale chel’hanno annullato, sennò sai con la storia degli aiutini..”.

Viste le prove a disposizione, quindi, dobbiamo stabilireche il gol di Peluso non è regolare, mentre il fallo di Benatia su Giovinco,avvenuto ad inizio partita (ultimo uomo, per questo gli juventini hiedevano l’esplusione)rappresenta materiale per alimentare da solo un’intera trasmissione postpartita.

Il fallo c’è, Benatia spinge giù Giovinco lanciato a rete,ma l’arbitro Tagliavento ammonisce perché, in effetti, il giocatore bianconeroera a stretto contatto con Benatia e, anche in caso gli fosse andato via, ildifensore della Roma avrebbe avuto la possibilità di ostacolarlo.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus A.S. Roma

L’interpretazionedi Tagliavento, alla luce dell’ammonizione, è quindi da leggere così: giallo enon rosso, perché non si sarebbe trattato di chiara occasione da gol.





Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto