È bastata una sconfitta per 3-0 contro la Fiorentina per riaccendere la contestazione dei tifosi nei confronti dell'allenatore Walter Mazzarri. In queste ore c'è stata una grande mobilitazione sui social network che ha visto diffondersi l'hastag #Mazzarrivattene. Il dissenso nei confronti del tecnico livornese arriva già dalla gestione dell'anno scorso della squadra. Un grande allenatore non si può fossilizzare su un modulo, 3-5-2, che ha portato importanti successi alla Juventus ma non è adatto alla rosa neroazzurra. Mazzarri non potrà migliorare i suoi risultati se non si adatta alle esigenze della rosa.

Sarebbe giusto puntare su un modulo come il 4-3-1-2.

Vidic e Ranocchia hanno sempre giocato in una difesa a quattro ma l'allenatore livornese, costringendo il serbo a giocare nella difesa a tre lo limita. I due terzini potrebbero essere Nagatomo, con riserva di lusso Dodo, e D'Ambrosio, con Jonathan in panchina. Il centrocampo sarebbe formato dall'ottima sorpresa del campionato Medel come mediano e due incursori come Guarin e Kovacic riportando così nel suo ruolo naturale il brasiliano Hernanes che continua ad essere la brutta copia di quello visto nella Lazio. L'attacco può puntare su tre elementi di ottima qualità come Icardi, Palacio e Osvaldo. Gli ultimi due si possono alternare per fare coppia con il bomber argentino.

Da criticare la dirigenza dell'Inter che non ha tenuto alla base una punta come Longo che sarebbe potuto servire nel turn-over per permettere il riposo di "Maurito".

I migliori video del giorno

Il 3-5-2 ha molti difetti e non può essere interpretato soprattutto dai centrocampisti come Guarin e Kovacic che potrebbero rischiare di essere bruciati non potendo giocare con la fantasia e la tecnica che li contraddistinguono bensì con troppo tatticismo e con troppi inserimenti. Se Walter Mazzarri non cambierà nelle prossime settimane la marcia, le sconfitte con Cagliari e Fiorentina avranno un brutto seguito per tutti i tifosi nero-azzurri.

Formazione ideale (4-3-1-2): Handanovic; D'Ambrosio, Vidic, Ranocchia, Nagatomo; Guarin, Medel, Kovacic; Hernanes; Palacio, Icardi.