Sebbene manchi ancora circa una trentina di giorni all'inizio della sessione ufficiale di Calciomercato prevista in Italia per il mese di gennaio, le indiscrezioni iniziano a moltiplicarsi giorno dopo giorno in maniera davvero rapida e vorticosa. Una delle notizie che più in questi giorni sta facendo il giro del mondo in tutti gli ambienti calcistici, è quella che riguarda il calciatore del Palermo di nazionalità argentina Paulo Dybala, giovane punta 21enne che milita nel Palermo dalla stagione 2012/2013 e che tanto bene sta facendo in questo positivo inizio di stagione per i rosanero.

I ben informati affermano che sarebbe pronta una mega offerta di 42 milioni di euro da parte dell'Arsenal, squadra che ha grandi obbiettivi e che a quanto pare vuole a tutti costi il giovane attaccante fin dall'inizio del prossimo anno per tentare di vincere tutte le più importanti competizioni europee, che la squadra inglese è tenuta ad affrontare da qui a fine stagione.

L'indiscrezione filtra dal quotidiano inglese Daily Express, dalle cui pagine si evince chiaramente di come i Gunners siano veramente intenzionati a convincere il presidente dei rosanero Maurizio Zamparini con una offerta davvero "mostruosa" pari appunto a 31 milioni di sterline ovvero 42 milioni di euro circa.

Tuttavia da fonti interne al Palermo calcio filtra la decisione dei dirigenti palermitani di non privarsi di Dybala se non a fine stagione e di resistere pertanto a tutte le lusinghe che arriveranno da qui fino alla fine ufficiale del calciomercato. Questo perché si spera che il giocatore, che secondo lo stesso Zamparini è destinato chiaramente a diventare entro un paio di anni uno dei più affermati campione dell'intero mondo calcistico, possa continuare a sciorinare eccellenti prestazioni calcistiche in maniera da incrementare ulteriormente il suo valore economico di mercato.

I migliori video del giorno

Riuscirà il vulcanico presidente Zamparini a resistere a tutte le lusinghe che si presenteranno e a respingere offerte di questo spessore? Ai posteri l'ardua sentenza.