Uno su tre gioca all’estero. Stiamo parlando dei 28 calciatori convocati da Conte per la doppia sfida contro Malta e Bulgaria nell’ottica della qualificazione alla fase finale dei Campionati Europei del 2016 in terra di Francia. E’ un dato che fa riflettere e che sicuramente non giova alle sorti della Nazionale italiana, che nel ranking Uefa si trova al 12° posto (16° nel ranking Fifa), superata anche dal Galles, dalla Slovacchia e dall’Austria.

Pubblicità
Pubblicità

Conte “conta” ancora sullo zoccolo duro costituito dalla difesa juventina e su qualche fresco ex (Pirlo e Giovinco), e deve rinunciare all’infortunato Marchisio, ma giocare in campionati diversi comporta una distorsione del modo di intendere il calcio nel proprio Paese, che è poi la filosofia della scuola di appartenenza.

Gli “emigrati” della maglia azzurra, tra i convocati di Conte giocano in Francia (Sirigu e Verratti nel Paris Saint Germain), in Russia (Criscito, nello Zenit San Pietroburgo), in Inghilterra (Darmian, da poco al Manchester United, e Pellè, nel Southampton), negli USA (Pirlo, al New York City), nel Principato di Monaco (El Shaarawy, nel Monaco), in Spagna (Immobile, nel Siviglia) e in Canada (Giovinco, nel Toronto).

Pubblicità

Peraltro, c’è chi deve farsi la trasvolata oceanica e scontare il jet-lag, come Pirlo e Giovinco. Ma è un problema che hanno molte nazionali, Brasile e Argentina in primis, con i loro campioni sparsi per il mondo.

Il problema di fondo è che Brasile e Argentina hanno abbondanza di scelta e spesso non devono scomodare, salvo che per le competizioni più importanti, Messi o Neymar, mentre Conte deve gradualmente trovare in Italia, dove in alcune squadre scendono in campo solo stranieri, valide alternative, e non basta far crescere i giovani dell’Under 21 (spesso in Serie B) perché potrebbe poi accadere che si accaseranno all’estero, con la riproposizione dei problemi di oggi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A

Dal campionato italiano o da quelli stranieri, comunque, i giocatori che indosseranno la maglia azzurra hanno un comune obiettivo: far vincere la squadra, far vincere l’Italia, che di vittorie ha bisogno, e non solo nel calcio. 

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto