Dopo la sconfitta patita contro il Sassuolo, all'esordio in Campionato, ci si attendeva una vittoria da parte del Napoli sul campo amico, e invece no! E dire che la partita contro la Sampdoria, allenata da Zenga, si stava mettendo proprio sui binari giusti. Dopo appena otto minuti di gioco i padroni di casa passavano in vantaggio: Insigne, ispiratissimo, liberava in area Higuain pronto a far secco Viviano calciando di sinistro in diagonale.

Dopo appena due minuti altro brivido col palo colto dallo stesso Insigne e, più tardi, il raddoppio del Pipita con diagonale preciso, stavolta di destro. Sul 2 a 0 per i padroni di casa, maturato nella prima frazione di gioco, la partita sembrava praticamente chiusa, tuttavia sappiamo bene che nel calcio tutto può essere messo in discussione in ogni momento.

Il calo

Nella ripresa il Napoli arretrava troppo il baricentro concedendo ampio margine di manovra alla Samp.

I blucerchiati andavano a segno su calcio di rigore (concesso per atterramento di Fernando da parte di Raul Albiol) trasformato dal nazionale Eder. Pochi istanti dopo lo stesso Eder, servito da Soriano, siglava di classe il punto del pareggio dopo aver eluso elegantemente le marcature dei difensori azzurri Koulibaly e Albiol. Si vedeva chiaramente che la Samp aveva più 'benzina' in corpo tanto è vero che avrebbe potuto segnare anche il terzo gol con Muriel in un paio di circostanze se non ci fossero stati gli interventi provvidenziali del solito Pepe Reina, pronto a sventare le minacce avversarie.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A SSC Napoli

Il match terminava in parità: 2 a 2. 

L'ottimismo discutibile di Sarri 

A quanto pare l'allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, sembra ottimista riguardo alla situazione in cui versa la sua squadra tanto è vero che ha dichiarato che i partenopei hanno giocato un buon calcio per almeno 50 minuti: peccato però che le partite durino 90 minuti (recuperi esclusi). Sarà pur vero che siamo all'inizio del campionato e che magari la condizione atletica non può essere quella ottimale ma bisogna anche guardare ai risultati in modo obiettivo: in due partite il Napoli ha collezionato soltanto un punto contro avversari non imbattibili.

Se poi vogliamo guardare il bicchiere mezzo pieno allora possiamo dire che la Juventus, campione d'Italia in carica, ha perso due partite su due, ma questa è un'altra storia.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto