Contro il tempo e l'anagrafe c'è poco da fare. Anche gente che apparentemente sembra immortale deve arrendersi a questi due fattori. Così, anche Raúl González Blanco, più semplicemente conosciuto come Raúl, si ritira dal calcio giocato e la malinconia tra gli amanti del calcio ovviamente spopola. Classe 1977,Raúl Gonzàlez Blanco è stato uno dei migliori calciatori nella storia del calcio e, in particolare, del Real Madrid, dove è riuscito a vincere tanto e farsi amare dai propri tifosi. 'El Siete' era soprannominato, giocatore capace di mettere a segno ben 404 reti in tutta la sua carriera, Nazionale esclusa.Il calciatore spagnolo ha detto addio al calcio dopo aver portato il suo club, i New York Cosmos alla vittoria del titolo, battendo l'Ottawa Fury per 3-2.

Raúl Gonzàlez Blanco: addio ad una stella (VIDEO)

Si chiude il capitolo di uno dei calciatori più vincenti di sempre,Raúl González Blanco ha collezionato l'ultimo titolo chiudendo con la bellezza di 22 titoli in 21 stagioni. Numeri incredibili, numeri che lo portano direttamente tra chi ha fatto la storia di questo sport. Parte da ragazzino con la maglia dell'Atletico Madrid ma varie vicissitudini lo portano a vestire la casacca dei cugini del Real Madrid. Con quella maglia l'esplosione totale: 323 reti in 741 partite, alzando ben 16 trofei, tra cui ben tre Champions League.

Nel 2010 il passaggio allo Schalke 04, dove in 98 presenze totali ha trovato il tempo di mettere a segno 40 reti.

Poi l'avventura in Qatar con la maglia dell'Al Sadd, collezionando 61 presenze e 16 reti e, infine, la maglia dei New York Cosmos, con la quale ha tagliato la soglia dei 400 gol, siglando in 26 gare 11 reti.Raúl González Blanco, tra l'altro, in quasi 1000 partite ufficiali non ha mai rimediato un cartellino rosso. Anche questi sono record da ricordare.La sua celeberrima carriera si chiude con le 404 reti totali, entrando negli annali della storia.

Addio aRaúl González Blanco, il principe di Madrid che ha fatto sognare milioni di tifosi in tutte le parti del mondo.