É il tema riforma Pensioni a tenere banco e, di giorno in giorno, arrivano sempre nuove indiscrezioni. Questa volta si parla della pensione di reversibilità che, secondo i sindacati, sarebbe messa in seria discussione da parte del Governo Renzi. "Il Governo vuole far cassa sulla pelle delle vedove, andando a toccare la pensione di reversibilità", è questo l'annuncio lanciato dal segretario generale Spi CGIL Ivan Pedretti, secondo il quale, alla Commissione Lavoro della Camera sarebbe arrivato un disegno di legge delega del Governo Renzi, contenente un punto molto controverso relativo proprio al diritto alla pensione di reversibilità.

Pensione di reversibilità, cosa contiene il ddl del Governo Renzi?

In sostanza, questo disegno di legge propone una considerazione diversa da quella che era finora della pensione di reversibilità.

Fino a questo momento, infatti, tale prestazione era considerata previdenziale. Adesso, si vorrebbe trasformarle in prestazioni assistenziali. Tutto ciò cosa significa? Significa chetale prestazionesarà legata al reddito Isee e, di conseguenza, al reddito familiari e non più quello individuale. Di conseguenza, coloro i quali potranno accedere alla pensione di reversibilità saranno sicuramente di meno.

Per Ivan Pedretti è una "rapina legalizzata" quella che sta mettendo in atto il Governo Renzi nei confronti dei cittadini. La pensione di reversibilità, afferma, è una prestazione previdenziale a tutti gli effetti ed è un danno soprattutto alle donne in quanto l'età media dell'uomo è sicuramente più bassa e tale trattamento viene percepito soprattutto da loro. Tra l'altro, le donne verrebbero colpite doppiamente in quanto, come ben sappiamo, godono di una pensione che in media è inferiore rispetto a quella degli uomini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Dopo avervi parlato dell'uscita anticipata, un altro argomento molto caldo scuote la questione riforma pensioni. L'augurio di Pedretti che è questo ddl possa essere ritirato nella discussione che verrà aperta a breve in Commissione Lavoro. Il segretario Spi CGIL conclude in questo modo: "Ne vale del futuro di tante persone e della dignità del Governo, che non può pensare di fare cassa sulle spalle delle vedove."

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto