Una lunga squalifica, ma niente radiazione. La commissione etica della Fifa ha deciso di squalificare per otto anni il presidente della Fifa Sepp Blatter e il presidente dell'Uefa Michel Platini per le accuse di corruzione. Una decisione maturata nello scorso week end e diffusa dalle agenzie di stampa lunedi mattina.

Squalificati... e multati! 

Secondo i giudici, non sarebbe stata convincente la difesa di Blatter sul pagamento di 2 milioni di franchi svizzeri a favore di Platini nel 2011 per una consulenza svolta per la Fifa fra il 1998 e il 2002.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Mondiali Russia 2018

Sempre secondo il Comitato, l'ormai ex presidente della Fifa non ha mai dimostrato la presenza di basi legali per i pagamenti. "La sua affermazione di un accordo orale non è stata convincente e pertanto è stata respinta" si legge nelle motivazioni della commissione.

Da qui le ragioni della lunga squalifica per Blatter e Platini che, dunque, non potranno ricoprire incarichi per otto anni. Il Comitato ha inoltre multato Blatter di 50mila franchi svizzeri e Platini di 80mila. Il comunicato della Fifa è stato firmato dal giudice tedesco Hans Joachim Eckert della Camera arbitrale del Comitato Etico della Fifa.

Pronti i ricorsi 

Già prima della sentenza, Blatter e Platini avevano annunciato che avrebbero presentato ricorso in caso di squalifica o radiazione. Se la squalifica sarà confermata, per il 79enne Blatter sarà la fine della sua carriera politica. Confermato per ben cinque mandati alla guida della Fifa, Blatter si era dimesso lo scorso 2 giugno in seguito all'arresto di sette dirigenti della Fifa per le accuse di corruzione. Da diversi anni era al centro di polemiche e sospetti.

I migliori video del giorno

Oggi potrebbe essere stata scritta la parola fine alla sua lunga carriera.

Niente Fifa per Platini 

Doccia fredda anche per Michel Platini che dovrà rinuncia alla corsa per la poltrona della Fifa. L'ex campione francese era stato infatti sospeso in attesa degli accertamenti. Via libera invece per gli altri candidati Ali bin al-Hussein, Salman bin Ibrahim al-Khalifa, Jerome Champagne, Gianni Infantino e Tokyo Sexwale. Il post Blatter passerà da uno di loro.