Nella prossima sessione di Calciomercato estivo, la Juventus dovrà guardarsi attentamente dall'assalto dei grandi club europei ai suoi giocatori. In passato, si è sempre fatto riferimento a Pogba, ma adesso gli occhi sono puntati anche su Paulo Dybala, autore fino ad ora di una grande stagione. L'ultima squadra a farsi avanti per l'argentino è il Bayern Monaco, prossimo avversario in Champions League, pronto a fare follie pur di portarlo in Germania. In casa bianconera, però, bisognerà capire anche cosa farà Massimiliano Allegri, sempre corteggiato dal Chelsea

Calciomercato Juventus: tutti pazzi per Dybala

Paulo Dybala è certamente una delle maggiori note positive di quest'annata bianconera.

Il centravanti argentino, infatti, nonostante la giovane età, è già diventato un giocatore fondamentale per la Vecchia Signora, dimostrando ogni volta che scende in campo grande personalità, attirando inevitabilmente su di se anche l'attenzione dei grandi club europei. L'ultimo, secondo Sport.es, è il Bayern Monaco, pronto a mettere sul piatto circa 60 milioni di euro; la Joya sarebbe stato richiesto espressamente da Carlo Ancelotti, il quale allenerà i bavaresi nella prossima stagione, ma appare comunque molto difficile che la Juventus decida di privarsi del suo talento soltanto dopo un anno. Dybala, infatti, è arrivato la scorsa estate dal Palermo per 32 milioni più 8 di bonus, un investimento molto importante.

Il Chelsea vuole Allegri

Entro fine stagione, la Juventus dovrà definire anche la situazione riguardante Massimiliano Allegri. Quest'ultimo, secondo i media inglesi,continua ad essere corteggiato dal Chelsea, pronto ad offrirgli un ricco contratto da quasi 10 milioni a stagione. In merito alla questione, in un'intervista a Radio Radio è intervenuto anche Giovanni Galeone, grande amico dell'allenatore bianconero: "Credo che Max andrà al Chelsea e farà anche molto bene.

Nonha senso che rimanga ancora in Italia, anche perchè l'offerta di Abramovich è irrinunciabile. Credo attualmente sia uno dei migliori cinque allenatori al mondo".