Walter Veltroni è il principale indiziato, tra i nomi in lizza delle ultime ore, tra quelli proposti all’assemblea per l'elezione di un sostituto di Maurizio Beretta nel ruolo di presidente Federazione Italiana Giuoco Calcio. Come riferisce la Repubblica, la ristrutturazione della FIGC sembra sia imminente, ed avrebbe già trovato un candidato. È in corso a Milano proprio oggi una riunione a cui sono presenti 14 club della massima serie (a parte Juve, Roma, Inter, Napoli, Milan e Fiorentina) in vista dell'elezione per il presidente di Lega.

Nuove regole e obiettivi da centrare

Veltroni è stato contattato nei giorni scorsi e pare abbia dato la sua disponibilità, ponendo come sole condizioni uno spirito di coesione tra le diverse parti governative e un impegno per attuare cambiamenti importanti. Il programma pare aver soddisfatto le richieste anche da parte delle società, d’accordo a individuare una figura che funga sia a livello istituzionale che manageriale, attuando un nuovo regolamento che consenta di mutare certi aspetti rimasti antiquati nel modello di amministrazione del nostro calcio.

I motivi della scelta di Veltroni

Veltroni si è tirato fuori dalla politica otto anni fa, con le dimissioni da segretario del PD nel febbraio del 2009, ragion per cui anche i dubbi su una presa di posizione in termini d'immagine non dovrebbe far storcere il naso a qualcuno. Attualmente era impegnato nella scrittura, per libri e sceneggiature di film e documentari, oltre che in particolari interviste a personaggi sportivi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Elezioni Politiche Calciomercato

Il potenziale del nostro calcio dovrà essere sfruttato ed elevato, questo il diktat di base che il nuovo corso dovrà seguire, su cui sono d'accordo tutte le società. Il calcio italiano, rimasto defilato da alcune logiche economiche delle altre Leghe straniere, ha bisogno di un balzo in avanti soprattutto su questi livelli. L'occasione arriva dunque perfettamente in tempo: con l'insediamento di Veltroni si cercherà di dar inizio, finalmente, alla ristrutturazione degli stadi, al rinnovamento delle figure dirigenziale e ad una nuova era nell'ambito dei rapporti internazionali, per poter vendere il prodotto in maniera più funzionale.

Le tredici società medio-piccole avrebbero già espresso il loro apprezzamento per Veltroni, mancano all'appello ancora i voti di Juventus, Roma, Napoli, Inter, Milan, Lazio e Fiorentina. Il quorum verrà raggiunto con un solo voto in più, ragion per cui sembra veramente vicino l'esito positivo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto