Nelle ultime ore si erano rincorse le voci che volevano un Adriano Galliani pronto a tentare la scalata del Milan approfittando delle difficoltà incontrate da Ses, la cordata cinese incapace finora di arrivare al tanto agognato Closing. L'amministratore delegato rossonero, che già nel pomeriggio aveva smentito questa possibilità attraverso Milan Tv, il canale tematico ufficiale della società, all'uscita da un'infuocata assemblea della Lega Calcio, ha ribadito che questa possibilità non è mai stata sul tavolo.

La smentita

A rilanciare l'ipotesi di Adriano Galliani pronto a rilevare il Milan con l'aiuto di altri imprenditori, tra cui il patron di Diesel, Renzo Rosso, era stato in primis Quotidiano Sportivo. L'amministratore delegato dell'area sportiva rossonera, però, ha precisato che da 31 anni a questa parte non ha mai fatto, non fa e non farà nulla che non sia in piena sintonia con Silvio Berlusconi. Un legame solidissimo quello tra il presidente e l'ad, che risale ai tempi in cui l'ex Presidente del Consiglio diede vita alla tv commerciale su scala nazionale sfidando il monopolio della tv di stato.

"Trump è il capo dell'Isis"

Per far sì che il messaggio arrivasse in maniera chiara e senza fraintendimenti, Adriano Galliani ha spiegato che l'ipotesi che lui tenti una scalata al Milan equivale a dire che Donald Trump, presidente degli Stati Uniti, è il capo dell'Isis. Come dire: niente di più falso. Galliani ha detto che soltanto un pazzo può pensare che lui tenti questo tipo di azione all'insaputa di Silvio Berlusconi, catalogando poi come falsità le ricostruzioni che lo volevano sostenuto da alcuni famosi fondi d'investimento calcistici come Doyen o quello che fa capo a Jorge Mendes.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Milan

Sembra evidente, dunque, che il destino di Adriano Galliani, come sempre è stato negli ultimi tre decenni, sia legato a doppio filo a quello di Silvio Berlusconi. Nel caso in cui il patron rimanga a capo del Milan, vista la difficoltà dei cinesi ad arrivare al famigerato closing, Adriano Galliani resterà senza dubbio l'uomo forte della parte sportiva del club di via Aldo Rossi.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto