Nell'era moderna del pallone, la base solida di una società arriva dalle infrastrutture e come punto cardine c'è lo Stadio di proprietà. Generatore di ricavi e aggregazione, La Juventus insegna, lo stadio di proprietà è il pilastro portante per costruire il futuro di una società, a livello di risultati sportivi e finanziari.

Suning ha dichiarato come priorità principale la costruzione dello stadio nei prossimi cinque anni; adesso al vaglio le eventuali zone che potrebbero ospitare una struttura di almeno cinquantacinquemila spettatori, zona commerciale, futura sede della società, hotel, cinema e tutto ciò che potrebbe portare introiti nelle casse neroazzurre.

Milano o hinterland, dove farlo?

Appresa la volontà della proprietà del club di Corso Vittorio Emanuele, in tanti hanno contattato Suning per proporre i propri terreni da riqualificare delle vicinanze di Milano; l'ex Falck a Sesto San Giovanni, Assago ed è viva anche l'ipotesi di una parte del "vecchio" Expo.

La zona che sarà scelta dovrà avere delle caratteristiche molto precise e ben delineate, come la vicinanza alle infrastrutture (autostrade, ferrovie e mezzi pubblici), assenza di impedimenti strutturali già esistenti e nel possibile a Milano o nelle immediate vicinanze.

Il nodo San Siro

I neroazzurri dovranno discutere con il comune di Milano del futuro del Meazza, che è stato ristrutturato (in parte), per la finale di Champions League 2016 ed è anche raggiunto dalla metropolitana e dalle linee dei trasporti su terra.

L'Inter e il Milan hanno firmato una convenzione con il comune che è il proprietario dello stadio, fino al 2030 per la gestione dello stesso, versando un corrispettivo di 11.2 milioni di euro all'anno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Inter

Ma se l'Inter si vuole dotare di uno stadio a sole tinte neroazzure, il Meazza che fine farà? La domanda è lecita e sorge spontanea quando si parla dello stadio più glorioso del panorama calcistico italiano; essendo uno dei pochi impianti del bel paese ad essere a norma con le regole dell'UEFA.

Il Milan prende il Meazza

Se Suning è decisa a costruire la propria casa, il Milan, una volta risolti i problemi societari, avrebbe il via libera nella gestione autonoma ed esclusiva di San Siro.

Alcuni lavori di ammodernamento dell'impianto sono già stati effettuati, ma il grande è ancora da fare, la riduzione dei posti a sedere e l'eliminazione definitiva del terzo anello, mai ben visto e ben voluto.

Per il momento siamo solo agli inizi, ma sicuramente ci saranno novità sostanziali nei mesi a venire.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto