Conosciamo tutti il carattere di De Laurentiis, focoso e passionale come un tifoso. Qualche anno fa lasciò la sede del sorteggio dei calendari in motorino, scatenando un putiferio mediatico. Questa volta il bersaglio delle sue dichiarazioni sono state le tre big del nord: Juventus, Inter e Milan. Infatti secondo il numero 1 del Napoli, sarebbe in atto una battaglia psicologica per mettere pressione alla sua squadra, in vista della nuova stagione.

"Prima o poi vinceremo lo Scudetto, sono sicuro"

Ha detto De Laurentiis a radio Kiss Kiss, famosa emittente campana.

L'occasione era l'intervista di lancio dell'Audi Cup che vedrà il Napoli protagonista in questi giorni, insieme a Bayern Monaco, Atletico Madrid e Liverpool. Un assaggio di Champions League per gli azzurri, che sfideranno nella prima partita i Colchoneros di Simeone. A margine della stessa intervista, il Presidente napoletano ha parlato anche della sfida nella sfida che coinvolge Simeone e Sarri.

Un attestato di stima non indifferente per il tecnico toscano, che nella stagione passata ha avuto qualche problema di incomprensione con De Laurentis. Sarri è pronto a combattere contro la Juventus per vincere il campionato, un'egemonia bianconera che dura ormai da 6 anni.

Mercato: offerta per Keita, è possibile una partenza di Insigne?

Con la cessione di Neymar al Psg ormai imminente, Insigne potrebbe rappresentare un obiettivo per i catalani. Soprattutto se il "folletto" azzurro affidasse la procura del suo cartellino a Raiola, come si vocifera da qualche tempo. Intanto De Laurentis ha presentato un'offerta a Lotito per keita, la cifra si aggira intorno ai 22 milioni di euro.

Conguaglio economico che sembra convincere il patron della Lazio. A questo punto rimane da convincere solamente -si fa per dire- l'attaccante senegalese, sempre convinto di voler andare alla Juventus. Adesso la scelta sta a lui, con le due società che invece hanno raggiunto un'intesa.

L'eventuale acquisto di Keita, farebbe virare le strategie della squadra di Sarri, che sembrava voler puntare sicura su Chiesa.

Altra pista resa difficile dalla marea di cessioni in casa Fiorentina. Pioli dovrà fare parecchio lavoro per rimettere insieme i pezzi di un calciomercato molto deludente, che ha visto andar via Bernardeschi, Gonzalo Rodriguez, Borja Valero, più Kalinic e Vecino in procinto di partire.