L'arrivo di Leonardo Bonucci al Milan ormai è noto a tutti, ma nessuno immaginava che, una volta approdato a Milanello, l'ex giocatore bianconero si mettesse in contatto con un suo amico, nonché attualmente giocatore del Real Madrid ed ex compagno di squadra nella Juventus, Alvaro Morata. Lo scopo della chiamata è stato quello di convincerlo ad un eventuale trasferimento al Milan. Pare però, che il Real Madrid abbia da poco rifiutato 75 milioni di euro offerti dal Manchester United e che, di conseguenza, non ci siano molte speranze per i rossoneri.

Restano però sempre calde le trattative per Kalinic, Belotti e Aubameyang.

L'amicizia che lega Morata e Bonucci è davvero forte, come è emerso anche nel pre-partita del 3 giugno 2017 a Cardiff, in occasione della finale di Champions League. In quel frangente i due si scambiarono un forte abbraccio, per poi dirsi parole di grande affetto e rispetto, dicendosi in particolare che, comunque fosse finito il match, la loro intesa non sarebbe dovuta cessare.

Bonucci quindi, ad appena ventiquattro ore dal suo trasferimento dalla Juventus al Milan, si starebbe muovendo in prima persona per rinforzare ulteriormente la squadra di mister Montella, e porre fine alla lunga scia di vittorie ottenute in queste stagioni dai bianconeri di Torino.

Alvaro Morata, dal canto suo, non avrebbe molta voglia di tornare in Italia perché, a detta sua, la Serie A non farebbe per lui. Inoltre tornare per giocare in una squadra che attualmente non disputa neanche la Champions League sarebbe un grosso azzardo, visti gli ottimi risultati ottenuti con il Real Madrid. L'unico aspetto positivo per il club rossonero è che Morata è stanco di fare panchina al Santiago Bernabeu, dunque potrebbe spingere per una cessione, allo scopo di giocare con più continuità altrove.

Inoltre bisogna ribadire che Florentino Perez ha rifiutato un'offerta pari a 75 milioni netti da parte del Manchester United, affermando che l'attaccante non andrà via da Madrid per non meno di 90 milioni.

L'attaccante mancante

Alvaro Morata o meno, al club rossonero, prima di chiudere il mercato, servirebbe comprare un centravanti di spessore e, ad oggi, tra i maggiori candidati ci sono Belotti, Kalinic e Aubameyang: a quest'ultimo sono molto interessate Chelsea e Arsenal, che sarebbero pronte ad offrire 60 milioni.

Costa parecchio anche il "gallo" Belotti, che il Torino non lascerà partire così facilmente, come ha fatto la Juventus con Bonucci. Non rimane che Nikola Kalinic, un buon giocatore, dall'ottima tecnica. Vedremo quali altre sorprese il Milan avrà in serbo per i suoi tifosi, quest'anno più che mai.