A 30 giorni dalla conclusione del mercato estivo, prendono forma le 20 squadre che parteciperanno al prossimo campionato di Serie A. Circa 450 cessioni totali, contro i 640 giocatori acquistati, per un bilancio complessivo di oltre 151 milioni di euro in meno nelle casse delle società italiane. Ma dopo tutti questi cambiamenti, quante società hanno realmente alzato il livello del loro parco giocatori? E quante ancora dovranno effettuare alcuni cambiamenti in queste settimane rimanenti? Scopriamolo insieme, analizzando e giudicando il mercato delle 20 società della massima serie.

I giudizi

ATALANTA: La squadra rivelazione della passata stagione, continua dritta per la sua strada, in cerca di grandi plusvalenze. Due le cessioni importanti: quelle di Conti e Kessié, accompagnate dal fondamentale rinnovo del Papu Gomez. In entrata investimenti di qualità per giocatori come Iličić, Castagne, Palomino e del giovane prospetto Cornelius, punta centrale molto promettente. Buono anche il colpo in prestito di Orsolini. Voto: 6,5

BENEVENTO: Zero cessioni e quattro acquisti a titolo definitivo (interessanti, ma tutti dalla Serie B) per il Benevento, che si appresta a disputare la sua prima storica stagione nella massima serie.

Intelligenti gli arrivi in prestito di Pușcaș e Cataldi. Per la porta, piace Brignoli della Juventus. Voto: 6,5

BOLOGNA: Si muove bene il Bologna che dopo aver ceduto molte seconde linee, effettua pochi acquista mirati, portando in rossoblu, tra gli altri, anche De Maio, Gonzalez e il “colpo” Poli dal Milan. Voto: 6+

CAGLIARI: Andreolli, Romagna, Cigarini e il riscatto di Miangue, accompagnati dal ritorno dello storico Cossu, sono i colpi in entrata della squadra sarda.

Basteranno a sopperire agli addii di Murru, Di Gennaro, Fossati e Bruno Alves? Importante comunque, il rinnovo di bomber Borriello. Voto: 5,5

CHIEVO VERONA: Tanti gli addii a Verona sponda Chievo: svincolati Lazarevic e Izco, oltre alle cessioni di Spolli e Floro Flores. Discreti gli acquisti di Gaudino e Pucciarelli, accompagnati dal colpo “Gaudino Jr”, giovane ex Bayern Monaco. Si prospetta il solito campionato tranquillo.

Voto: 6

CROTONE: Perso il punto di riferimento davanti Falcinelli, tornato al Sassuolo dopo aver contribuito in maniera fondamentale alla salvezza rossoblu. Troppo poco in entrata, con gli arrivi dello svincolato Izco ed il ritorno di Budimir dalla Samp. Attualmente i calabresi risultano essere la rosa meno “costosa”, per un valore totale inferiore ai 20 milioni. Serve di più. Voto: 4,5

FIORENTINA: Tanti, forse troppi, i movimenti di mercato della squadra dei Della Valle. Dopo le cessioni di Iličić, Borja Valero, Tatarusanu, De Maio, Vecino, gli addii di Tello (tornato al Barcellona per fine prestito) e Gonzalo Rodrìguez (andato via in scadenza di contratto) e il trasferimento in bianconero del numero 10 Bernardeschi, anche Kalinic sembrerebbe sul piede di partenza, direzione Milano.

In entrata qualche acquisto, tra cui gli arrivi di Vitor Hugo, del giovane Milenkovic e dell’esterno Politano. Il valore complessivo della rosa però, attualmente sembra notevolmente diminuito. Voto: 4,5

GENOA: Dopo aver rischiato la retrocessione, il presidente Preziosi cambia molto (come ogni estate) la rosa a disposizione del tecnico Juric. Via una decina di giocatori, tra cui Burdisso e Renzetti, arrivano Galabinov (svincolatosi dal Novara), Spolli, Zukanovic e Centurion, oltre gli importanti acquisti rossoneri Bertolacci (per lui è un ritorno) e Lapadula. Voto: 6,5

HELLAS VERONA: In questi primo mese di mercato abbiamo ammirato un Hellas scatenato, galvanizzato dal ritorno nella massima serie.

Via Siligardi (Parma), Viviani (Spal), ma anche Eros Pisano (accasatosi al Bristol City dopo lo svincolo), arrivano i difensori Ferrari ed Hertaux, oltre i molteplici acquisti offensivi: Franco Zuculini (a titolo definitivo dal Manchester City), e l'arrivo di Cerci. Era stato preso anche "fantantonio" Cassano, che ha però rescisso incredibilmente il suo contratto dopo poche settimane. La salvezza comunque, non dovrebbe essere un problema. Voto: 6,5

INTER: Dopo l’addio di Andreolli, i nerazzuri cedono Banega (tornato al Sevilla) e Palacio (svincolato). Pochi fino ad esso gli arrivi: oltre il gran colpo Borja Valero (pagato 5,5 milioni), sembrano troppi i soldi spesi per Vecino, Dalbert e Skriniar (oltre 65 milioni totali).

Voto: 6

JUVENTUS: Mercato intelligente, quello svolto fin’ora dal duo Marotta-Paratici. I dirigenti bianconeri, dopo aver perso Neto (andato al Valencia a fare il titolare) e Dani Alves (svincolatosi per trasferirsi alla corte del PSG), hanno optato per la cessione del difensore centrale della Nazionale Leonardo Bonucci, passato al Milan per 42 milioni di euro complessivi. Scelta ponderata, quella di risparmiare 12 mln annui che avrebbe speso per l’ingaggio lordo, investiti invece acquistando Szczesny (che dopo un anno da vice-Buffon prenderà le chiavi della porta bianconera), De Sciglio e soprattutto gli esterni offensivi Douglas Costa e Federico Bernardeschi.

Arrivato anche il giovane Bentancur dal Boca Juniors. Non dovrebbe arrivare nessun difensore centrale: verrà concesso più spazio a Rugani e Benatia. Voto: 6.5

LAZIO: Per un Lucas che va, un Lucas che viene; via infatti Biglia, arriva L.Leiva, acquistato dal Liverpool per poco più di 5 milioni. Davanti arriva Caicedo, supportato da Di Gennaro, arrivato a titolo definitivo dal Cagliari. Per il centrocampo interessa anche Sturaro, mentre potrebbero partire De Vrij e Keita. Voto: 6-

MILAN: Mercato sontuoso, quello svolto dai neo manager rossoneri Fassone e Mirabelli. Oltre il fondamentale rinnovo di Donnarumma (che ha portato in rosa anche il fratello Antonio, come terzo portiere), mister Montella avrà a disposizione molti acquisti importanti: in difesa arrivano l’ex Juventino Leonardo Bonucci, seguito dal compagno di reparto Musacchio e dai terzini Rodriguez e Conti.

In regia ci sarà Biglia, accompagnato dalla fantasia di Calhanoglu e dalla forza fisica del giovane Kessie (rivelazione dello scorso campionato). Vicino inoltre, l’arrivo del giovane talento Renato Sanches, considerato uno dei under 20 più forti del pianeta. Davanti, oltre al ritorno in Italia di Fabio Borini, è stato acquistato il promettente André Silva, classe ’95 e già titolare nella nazionale portoghese; al suo fianco ci sarà uno tra Belotti e Kalinic, a completare un mercato già sublime, che rende il Milan qualitativamente inferiore soltanto alla Juventus. In uscita De Sciglio, Lapadula, Bertolacci, Honda, Kucka e Poli, con Bacca sempre più vicino al Marsiglia.

Voto: 9

NAPOLI: Pochissimi i cambi, per un Napoli che vuole confermare quanto di buono è stato fatto vedere nella seconda parte della stagione. Interessante l’arrivo di Ounas (fungerà da vice-Insigne), accompagnato dall’acquisto di Mario Rui, che lotterà per un posto da titolare con Ghoulam. In porta si cerca di arrivare a Rulli, valutato circa 20 milioni. Voto: 6+

ROMA: Davvero troppe le cessioni effettuate dal nuovo DS Monchi, se pur accompagnate da acquisti di prospettiva. Dopo il ritiro del numero 10 Francesco Totti, lasciano la capitale anche Szczesny, Rudiger, Rui, Paredes e Salah. In entrata, oltre al ritorno in giallorosso del centrocampista Under-21 Lorenzo Pellegrini, sono arrivati dall’Olanda i difensori Karsdorp e Moreno, accompagnati da Defrel (preso dal Sassuolo, fungerà da vice Dzeko) e Gonalons (acquistato dal Lione, sembrerebbe un doppione di Daniele De Rossi).

Preso anche il 32enne Kolarov dal Manchester City. Da segnalare anche i giovani Skorupski (tornato dopo l’esperienza ad Empoli) e Under (talentino turco classe ’97), e l'interessamento per il centrocampista offensivo Mahrez. Voto: 5,5

SAMPDORIA: Tante cessioni per il club di Ferrero, che ha lasciato partire Rolando (in prestito al Palermo), Budimir (tornato al Crotone), Cigarini, Bruno Fernandes (Sporting Lisbona), Palombo (ritirarosi) e Skriniar. Complessa la situazione Schick, che potrebbe restare in blucerchiato. Arrivano però, oltre giovani stranieri di prospettiva, anche gli italiani Murru e Caprari.

Voto: 5,5

SASSUOLO: Continua la politica verde per un Sassuolo sempre in cerca di giovani italiani. Il club acquista dalla Roma i giovani Ricci, Marchizza e Frattesi (rientrati nell’accordo delle cessioni “obbligate” di Pellegrini e Defrel). Arrivano in neroverde anche il giovane Francesco Cassata, a titolo definitivo dalla Juventus, e gli ex rosanero Marson e Goldaniga (arrivato per 4 milioni). Voto: 5,5

SPAL: Mercato interessante, quello svolto dalla neopromossa. Pochissime le cessioni (nessuna significativa), accompagnate dal colpo del mercato Alberto Paloschi (in cerca di riscatto dopo la sfortunata stagione all’Atalanta) e dagli arrivi di Gomis dal Torino, Oikonomou e Rizzo dal Bologna, Felipe dall’Udinese e Viviani dall’Hellas.

Potrebbero arrivare Meret (attualmente tornato ad Udine dopo l’ottima stagione in prestito) e Grassi. Voto: 6,5

TORINO: Pochi movimenti in casa Toro, che lascia andare Tachtsidis all’Olimpiakos e Chiosa al Novara, oltre le partenze dei portieri Hart, Gomis e Padelli. Interessanti gli arrivi di Lyanco, Berenguer (soffiato al Napoli per 6 milioni) e Sirigu (in cerca di riscatto dopo l’ultima sfortunata stagione all’estero). Voto: 6,5

UDINESE: Mercato in fase di stallo per l’Udinese, che dopo le cessioni di Felipe e Hertaux, acquista Mallè e Ingelsson, oltre ai più conosciuti Coulibaly (che resterà però al Pescara in Serie B) e Pezzella (arrivato dal Palermo per 4,5 milioni di euro). Si pensa a Pavoletti per sostituire D.Zapata, tornato al Napoli. Voto: 6

Segui la nostra pagina Facebook!