In queste ore frenetiche di calciomercato le voci di corridoio non tengono fuori l'Inter, alle prese con la crisi di risultati iniziata dopo la partita di coppa Italia contro il Pordenone. E' bastato poco per intaccare il meccanismo quasi perfetto che era riuscito a costruire Spalletti. I nerazzurri sono caduti alle prime difficoltà in rosa e senza i dovuti ricambi Spalletti farà certamente fatica a mantenere alti certi obiettivi. L'ultima partita di campionato è stata praticamente emblematica: un acciaccato Ranocchia ha lasciato il campo per fare posto a Yuto Nagatomo, centrale difensivo reinventato anch'egli non al top della condizione.

Per questo motivo l'allenatore nerazzurro ha sbottato nel post partita, spiegando che i limiti della rosa sono sotto gli occhi di tutti ed è inutile negarlo.

Il freno di Suning

Dopo un avvio frizzante della nuova dirigenza, con spese e investimenti di un certo livello, accompagnate da nuovi investitori e sponsor arriva ora una piccola frenata che ha inizio prima della fine di agosto 2017 e quindi prima che terminasse il Calciomercato estivo. Per via di questa nuova limitazione cinese gli uomini mercato interisti sono rimasti con alcuni colpi in canna che hanno poi generato la defezione della rosa. In queste ore Walter Sabatini starebbe cercando di fare il punto della situazione con la proprietà cinese, cercando di convincere la dirigenza ad effettuare alcuni piccoli interventi mirati per far fare alla rosa il dovuto salto di qualità.

La nuova Inter di Spalletti

Se il summit fra Sabatini e Suning dovesse avere successo, secondo le ultime indiscrezioni l'Inter dovrebbe cominciare a portare a casa qualche nuovo giocatore. Non nomi altisonanti ma certamente forze fresche da accorpare al progetto. Bastoni e De Vrij i nomi caldi in difesa. La dirigenza cercherà di portare a gennaio l'atalantino di proprietà dell'Inter, visto che a Bergamo non trova spazio e in nerazzurro al momento c'è bisogno di centrali, mentre l'olandese della Lazio in scadenza di contratto dovrebbe essere un opzione per giugno.

A centrocampo potrebbe arrivare Ramires, mediano di qualità assoluta in forze allo Jiangsu, altro club di proprietà Suning, con un passato al Chelsea, che tornerebbe volentieri in Europa e sarebbe accolto all'Inter a braccia aperte. Nel modulo di Spalletti, troverebbe posto anche il giocatore del Barcellona Deulofeu, come vice Perisic o alternativa a Candreva.

La dirigenza lavora per portarlo in prestito all'Inter, magari con un diritto o obbligo di riscatto.