Il Bari è impegnato nelle ultime gare di campionato e punta a raggiungere una posizione interessante in vista dei play off, come sempre vi parteciperanno 6 squadre e soltanto una potrà raggiungere la gloria della promozione in Serie A. Tolte le quattro che si contendono la promozione diretta, e cioè Frosinone, Palermo, Parma e Venezia (e di queste soltanto una riuscirà a raggiungerla), le altre che certamente sono già qualificate ai play off sono Bari e Cittadella, mentre manca soltanto 1 punto al Perugia per il matematico accesso ai play off di Serie B.

In questi giorni, però, oltre alla sfida per la promozione, il Bari è impegnato tanto anche in argomenti extra- calcistici che poco o nulla hanno a che vedere con il rettangolo verde.

Dopo il deferimento dei giorni scorsi, infatti, la società biancorossa è stata nuovamente deferita su segnalazione della Covisoc.

Bari, altro deferimento

Come riportato da La Repubblica, edizione di Bari, la società pugliese è stata deferita su segnalazione della Covisoc. Il procuratore federale ha deciso di deferire nuovamente il presidente Cosmo Giancaspro. Stavolta l'accusa è quella di "non aver consentito alla società Deloitte & Touche, incaricata dalla Covisoc, di svolgere l’attività di verifica ispettiva richiesta per il giorno 20 aprile 2018 e per non aver prodotto alla Covisoc e alla società dalla stessa incaricata, copia di estratti conto relativi a diversi conti correnti intestati alla società Fc Bari 1908". Anche la società biancorossa è oggetto di deferimento per responsabilità diretta, in virtù del comportamento di Giancaspro.

Si tratta del secondo deferimento in pochi giorni per il Bari, visto che la scorsa settimana il club biancorosso era già stato deferito per alcune irregolarità amministrative.

Adesso il Bari rischia diversi punti di squalifica, impossibile quantificare quanti al momento. Per il primo deferimento si è parlato di due possibili punti di penalizzazione in arrivo, ma ancora nulla è stato confermato.

Di certo, adesso diventa fondamentale per il Bari non perdere punti per strada nelle ultime due uscite ufficiali della regular season di Serie B contro Parma e Carpi: il Bari deve fare quanti più punti possibili, anche in vista delle penalizzazioni.

Serie B, uno sguardo alla sfida salvezza

Uno sguardo interessante va dato anche alla sfida salvezza che, a 180 minuti dalla fine della Serie B, coinvolge ancora tantissime squadre.

Quasi condannate alla retrocessione Ternana e Pro Vercelli, il terzo posto della retrocessione diretta in Serie C è al momento occupato dalla Virtus Entella che ha 41 punti. Poco più su, ci sono Ascoli e Avellino entrambe a quota 42 punti che, se il campionato finisse oggi, disputerebbero i play out. Sono in zona salvezza, per ora, Cesena (46 punti), Cremonese (45 punti) e Novara (43 punti) che però hanno bisogno di racimolare quanti più punti possibile nelle ultime due sfide di Serie B per non rischiare di essere risucchiate nella zona calda della classifica. Molto più tranquille, invece, le posizioni di due big della Serie B, come Brescia e Pescara, entrambe a quota 47 punti. Sia ai lombardi che alle rondinelle manca un solo punto per la salvezza matematica.

Dunque, per ora la lotta alla salvezza in Serie B coinvolge ben 6-7 squadre e la sensazione è che si risolverà soltanto negli ultimi minuti del campionato.

Segui la pagina Serie B
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!