La Juventus ogni anno acquista nuove pedine per arricchire lo scacchiere tattico di Massimiliano Allegri. I nuovi arrivati vengono sottoposti alla cura del Conte Max che consiste nell'inserirli nella mischia gradualmente per far assimilare loro le dinamiche della squadra. Questa sorta di apprendistato è stata riservata a Paulo Dybala nella stagione 2015-2016, ma anche al più maturo Gonzalo Higuain che al suo approdo in bianconero ha giocato nelle prime quattro partite 133 minuti a fronte dei 360 a disposizione.

Al metodo sopracitato sono sfuggiti solo pochi giocatori come Matuidi e Cristiano Ronaldo. Il trattamento comunque sembra quello giusto perché ogni volta i risultati sono ottimi.

Anche Rodrigo Bentancur, arrivato nell'annata 2017-2018 è stato sottoposto ad apprendistato ed oggi il tecnico toscano raccoglie i frutti. Quest'estate durante il mondiale di Russia, l'uruguaiano ha mostrato con la sua Nazionale di essere maturato professionalmente ed ora in quest'inizio stagione è letteralmente esploso.

Dimostrazione della sua crescita esponenziale sono le dieci partite giocate in Serie A e in Champions League da titolare, durante le quali ha segnato due gol: il primo contro l'Udinese, l'ultimo alla Fiorentina. Grazie alla rete del classe 1997, i bianconeri hanno sbloccato al trentesimo un match di difficile risoluzione. Complici gli infortuni di Sami Khedira ed Emre Can, l'ex Boca Juniors si è ritagliato un ruolo da protagonista che sta mettendo in secondo piano i colleghi di reparto più quotati.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Juventus Serie A

Al rientro dei due tedeschi il tecnico livornese sarà in grande imbarazzo, perché non potrà strappare la maglia da titolare ad uno che ha sudato per guadagnarsela. Per fortuna la squadra è impegnata su più fronti e ci sarà spazio un po' per tutti.

Tra campionato e Champions League Bentancur ha totalizzato quindici presenze, mentre nella passata stagione ne ha registrate venticinque in tutto. Oggi ha già nelle gambe 1098 minuti, a fronte degli 857 registrati nello scorso anno. Le presenze da titolare, per il ventunenne sono già dodici e i gol realizzati due, mentre al suo primo anno ha totalizzato solo otto presenze dal fischio d'inizio ed è rimasto a secco di gol.

A guardare i numeri, l'allora amministratore delegato Giuseppe Marotta ci ha visto lungo nell'approfittare dell'opzione di acquisto ottenuta dal Boca Juniors per la cessione a costo zero di Carlitos Tevez e Allegri con la sua cura ha completato l'opera.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto