Dopo il pari con l’Atalanta, l’Inter ha battuto 3-1 il Frosinone, mantenendo così le distanze sul Milan, che occupa attualmente la quarta posizione nella classifica di Serie A. Una vittoria ottenuta dopo una buona prestazione generale della squadra, frutto anche delle corrette scelte di Spalletti, che ha schierato dal primo minuto Icardi, lasciando in panchina Lautaro e dando fiducia allo stesso tempo a Nainggolan e Perisic, che hanno realizzato le prime due marcature dell’incontro di domenica 14 aprile.

Pubblicità

Proprio in merito al futuro di Spalletti e dello stesso Icardi si è espresso Fabrizio Biasin, che ha espresso le sue considerazioni sull'attuale situazione nerazzurra nell’editoriale per Tuttomercatoweb.

Biasin su Marotta e Spalletti

Biasin ha commentato le parole di Marotta, che di recente si è espresso sul futuro di Icardi, dichiarando che la volontà della società è importante, ma la stessa cosa vale per quella del calciatore. A tal riguardo, Biasin sostiene che la società nerazzurra avrebbe in mente un’Inter che non farà solamente affidamento su Icardi: l’intenzione potrebbe essere quella di puntare su una rosa armonica ed equilibrata.

Ovviamente, il giornalista ha tenuto a precisare che tale affermazione non significa che l’Inter ha già deciso di cedere Icardi, ma che per convincerlo a rimanere in maglia nerazzurra, la società e il calciatore devono trovare un accordo ‘equilibrato’, che possa dare sicurezze e tranquillità ad ambedue le parti. Al momento infatti non è stata proposta un’offerta convincente e non vi sono nemmeno sicurezze sul futuro della panchina dei nerazzurri. La permanenza di Icardi, secondo Biasin, infatti dipende anche dal futuro di Spalletti, che stando al parere degli addetti ai lavori lascerà la panchina dell’Inter a fine stagione.

Pubblicità

Proprio parlando dell'allenatore nerazzurro, Biasin ha confessato che secondo lui Marotta apprezza molto il lavoro di Spalletti, ma ciò non significa che quella futura possa ancora essere ‘l’Inter di Luciano’. Biasin è infatti convinto che Marotta sta concretamente immaginando un’Inter con Conte in panchina e in tal senso sarebbe stato già raggiunto un accordo sulla disponibilità dell’ex ct, che non disdegnerebbe un trasferimento a Milano. Da qui a giugno si cercherà di raggiungere però un’intesa economica con Conte e successivamente si dovrà passare dal benestare della famiglia Zhang.

Biasin precisa però che ogni decisione verrà rimandata a fine maggio: tutto dipende dalla qualificazione in Champions League. Ottenuto tale traguardo, la società e Marotta porteranno avanti il loro piano, non impossibile da realizzare, almeno secondo Biasin.