Ieri sera si è giocata la prima sfida di Champions League tra Atletico Madrid e Juventus. A fine match, il pareggio del 2-2 ha lasciato l'amaro in bocca alla squadra bianconera. Nonostante l'ottima prestazione in campo e il dominio a lungo tempo, alla fine il team di Maurizio Sarri non è riuscito a portare a casa la vittoria.

Proprio mister Sarri ha parlato della sua squadra a fine partita. L'allenatore bianconero si è definito soddisfatto dei suoi ragazzi, sottolineando il loro atteggiamento giusto e cattivo. Tuttavia, c'è ancora molto da lavorare, soprattutto sulle palle inattive che proprio ieri sera hanno causato i maggiori danni alla Juventus.

Bravi e cattivi

La prima sfida di Champions League della Juventus si è conclusa ieri sera. Dopo una prestazione incredibile contro i padroni di casa, la squadra bianconera deve accontentarsi del pareggio con l'Atletico Madrid. Una partita che lascia l'amaro in bocca e a dirlo è proprio mister Maurizio Sarri.

Nonostante il risultato del 2-2, l'allenatore juventino può festeggiare la sua prima in panchina in Europa.

I suoi ragazzi hanno dimostrato grinta e voglia di vincere. Tuttavia, quando l'arbitro ha fischiato la fine del match, la Juventus si porta a casa soltanto il pareggio.

A fine partita, mister Sarri ha parlato della sua squadra. In particolare, il mister ha elogiato l'atteggiamento dei suoi, definendoli 'Bravi e cattivi'. Purtroppo ciò non basta, in quanto durante i 90 minuti di gioco, la squadra ha commesso diversi errori.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Juventus

Sarri ha anche dichiarato che, una volta tornati a Torino, lavorerà con i giocatori sulla gestione delle palle inattive, una delle maggiori difficoltà di ieri sera. Anche la marcatura a uomo deve essere meglio messa in atto dai suoi, senza rischiare nel var o in altre sanzioni.

Per quanto riguarda la scelta di mettere subito in campo Cuadrado, l'allenatore bianconero rivela di aver avuto la sensazione di una partita con tanti spazi aperti.

L'ideale per un giocatore come lui e la sua velocità. Dopo due mesi di allenamenti da terzino, Sarri ha voluto metterlo alla prova in alto e Caudrado è riuscito appieno nel suo ruolo.

La svolta

Nonostante il pareggio, mister Maurizio Sarri può ritenersi soddisfatto dall'atteggiamento della sua squadra. Lui stesso conferma tale sentimento, sottolineando come i suoi calciatori siano cresciuti rispetto alla partita contro la Fiorentina di sabato scorso.

Infatti, secondo l'allenatore, a Firenze i ragazzi sono stati influenzati da circostanze negative. Mentre contro l'Atletico Madrid sono venute fuori determinazione e cattiveria necessarie per le grandi prestazioni. Adesso si ritorna a pensare al campionato.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto