Dopo Maignan, il Milan guarda ancora in Francia per rinforzare la sua squadra. Questa volta Maldini avrebbe messo nel mirino Boubacar Kamara, 21 anni e profilo importante sia iper il presente che per il futuro. Proprio in terra transalpina in queste ore scrivono che i rossoneri si sarebbero avvicinati e non poco all’obiettivo. Il giocatore avrebbe voluto un’esperienza in Premier League, ma non sono arrivate offerte convincenti e così sembra aver scelto l’Italia per il suo futuro.

La volontà del giocatore, si sa, in materia di Calciomercato è sempre importante e potrebbe essere una spinta in più nella trattativa tra i due club.

Il Marsiglia valuta il giocatore 20 milioni circa, il Diavolo ne avrebbe messi sul piatto 12, una distanza che al momento sembra non impossibile da colmare.

Chi è Boubacar Kamara, obiettivo del Milan

Boubacar Kamara è un classe 1999 e, nonostante la giovane età, è già titolare dell’Olympique Marsiglia dove in campionato ha messo insieme 35 presenze con due assist, cinque invece le partite giocate in Champions League. Nato a Marsiglia 21 anni fa, ha l’Olympique nel Dna, avendo sempre vestito la maglia della squadra della sua città. Cresciuto nelle giovanili del club, ha esordito in prima squadra già nel 2017 quando aveva solo 18 anni. Di lui in Francia si parla bene da tempo tanto che tutti i commissari tecnici delle Nazionali giovanili lo hanno convocato a partire dall’Under 17 fino ad arrivare all’Under 21, il prossimo passo potrebbe essere il salto nella Francia dei “grandi”.

Kamara è un centrocampista centrale di rottura, un mediano come si diceva una volta. Alto un metro e 84 centimetri, ha forza e corsa da vendere, oltre che una buona sensibilità nel piazzamento. Questo è dovuto al fatto che ha iniziato la sua carriera da centrale difensivo, ruolo che ovviamente può ancora svolgere. Giocatore duttile quindi e il primo a capirlo è stato Villas Boas, è stato infatti il portoghese a spostarlo dalla linea di retroguardia a quella di centrocampo.

Per Pioli sarebbe quindi un buon jolly. Il tecnico anche l’anno prossimo dovrebbe schierare la sua squadra con l’ormai classico 4-2-3-1. Boubacar Kamara in questo schema potrebbe giocare davanti alla difesa andando così a colmare il vuoto alle spalle dei titolari Bennacer e Kessié, creatosi anche con l’addio di Meitè. Nel Milan potrebbe poi giocare anche difensore centrale, la coppia titolare sarà ovviamente formata da Kjaer e Tomori, appena riscattato dal Chelsea, ma in bilico c’è il futuro di Romagnoli.

Insomma, bisogna iniziare a pensare a come coprirsi le spalle in caso di addio del mancino e Kamara potrebbe essere un buona alternativa.