Arrivano sul tema tasse sulla casa delle importanti scadenze fiscali riguardanti la Tasi e IMU 2014: entro il 16 giugno infatti milioni di contribuenti dovranno pagare la prima rata d'acconto delle due tasse e in molti comuni si dovrà versare oltre a queste anche la Tari (tassa sui rifiuti). La CGA di Mestre ha stimato che dalla IUC lo Stato quest'anno arriverà ad incassare 32,5 miliardi di euro, circa 4 in più rispetto al 2013. Passiamo adesso ad analizzare nel dettaglio i calcoli e le modalità di pagamento di Tasi ed Imu.

Tasse sulla casa: Tasi 2014, calcoli e modalità di pagamento

La Tasi 2014 è l'imposta sui servizi indivisibili resi dai comuni (illuminazione, sicurezza, manutenzione, ecc). I soggetti passivi sono individuati seguendo il principio di residenza, quindi questa tassa deve essere pagata sia da proprietari di casa che dalle persone in affitto. I calcoli della Tasi 2014 non sono affatto semplici ed hanno messo in crisi anche i professionisti che si sono lamentati più volte con le autorità per la poca chiarezza delle norme.

Le aliquote della Tasi sono state fissate dalla legge di stabilità al 2,5 per mille per la prima casa e del 10,6 per la seconda abitazione, inoltre i comuni possono applicare con un apposita delibera entro il 30 maggio un addizionale dello 0,8 per mille sulle due aliquote. Per quanto riguarda gli accordi di giugno da versare l'aliquota standard è fissata al 1 per mille, ma si rischia di pagare poi il 90% del gettito d'imposta della Tasi a dicembre 2014.

Per chi è in affitto la sua competenza sul pagamento dell'imposta è ridotta dal 10 al 30%. Il pagamento va effettuato come per l'Imu con il Modello F24 o con l'Unico.

Tasse sulla casa: IMU 2014, calcoli e modalità di pagamento

L'Imu 2014 è una tassa legata alla proprietà di terreni, immobili e fabbricati, gli unici edifici esonerati dal pagamento sono le prime abitazioni purché non siano classificate al catasto come come case di lusso A1 e A8.

Per quanto riguarda i calcoli le aliquote sono tre:

  • prima casa: 4 per mille + una possibile addizionale del 2 per mille dei comuni

  • fabbricati rurali e terreni: 2 per mille + possibile addizionale del 1 per mille

  • immobili commerciali e seconde case: 7,6 per mille

Inoltre per la prima casa sono previste detrazioni fino a 600 euro che tengono conto dei figli a carico e del reddito dichiarato.

Il pagamento può essere versato o in una o in due rate. La scadenza della prima rata o del pagamento intero è fissata per il 16 giugno; il pagamento va versato mediante Modello F24 oppure tramite bollettino postale.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto