Stando a quanto affermato questa mattina da Mi manda Raitre, in Italia il 95% della popolazione possiede almeno un cellulare. Gli italiani sono ai primissimi posti per uso e detenzione di dispostivi personali. I telefonini sono quasi 50 milioni nel bel paese, con una concentrazione abbastanza equilibrata dal nord al sud.

Durata dei cellulari

I cellulari sono programmati per durare un periodo variabile tra i tre e i quattro anni.

È una vera propria programmazione che si chiama obsolescenza programmata. I pezzi di ricambio e i software sono programmati per durare un arco limitato di tempo per favorire così i consumi. La stessa complessità dei telefonini usura i dispositivi, rallentandoli anche per i continui aggiornamenti richiesti. Gli odierni Smartphone sono dei computer ed un po' meno dei telefoni. In sostanza le case produttrici di smartphone dopo 3 anni non producono più pezzi di ricambio, rendendo impossibili le riparazioni. Gli stessi aggiornamenti continui, non fanno altro che rendere più lento e più facile l’invecchiamento precoce del telefonino.

L'Europa sta per intervenire

L’Europa dovrebbe intervenire per regolamentare il settore, per evitare uno spreco di materiali che inquinano l’Ambiente ed anche per calmierare i costi, cresciuti a dismisura. L'Europa è molto sensibile al tema, anche per le ripercussioni legate alla privacy e alla concorrenza.

Bisogna risparmiare ed evitare sprechi

Se un cellulare è programmato per durare tre anni, allungando la sua durata di almeno un anno, le famiglie potrebbero risparmiare almeno 150€ all’anno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Smartphone Ambiente

Produrre meno telefonini significa avere meno problemi di smaltimento dei materiali e meno emissioni di CO2. I cellulari si possono riciclare. Ogni anno nel mondo vengono prodotti 50 milioni di tonnellate di materiali. I materiali di un cellulare da smaltire sono altamente inquinanti.

I cellulari sono una miniera di materie prime

All’interno di un cellulare sono tantissimi i materiali nobili che si potrebbero riciclare.

In un comune smartphone sono presenti componenti composti da circa 70 elementi diversi, tutti preziosi e rari, come il palladio, il rame, il litio ed anche petrolio. Sono tutti materiali molto inquinanti, ma anche molto preziosi, cari e rari. Nei cellulari, tra i tantissimi componenti vengono utilizzate anche piccole percentuali di oro usato come elemento per accelerare lo scambio di dati.

Si comprende che la tematica ambientale è duplice, da una parte bisogna smaltire le componenti dei cellulari obsoleti, dall’altra occorre recuperare la materia prima per produrne degli altri.

Il litio è un minerale rarissimo, viene estratto in pochissime miniere al mondo, producendo tantissimo inquinamento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto