Dichiarazioni shock del trans Paloma nella vicenda che vede indagato e processato l'ex-governatore della Regione Lazio, Piero Marrazzo. Il trans avrebbe deposto davanti ai giudici, durante il processo contro i quattro carabinieri infedeli accusati di aver ordito un ricatto ai suoi danni, alcune dichiarazioni molto pesanti.

Il trans Paloma infatti avrebbe affermato che i rapporti fra lei e Marrazzo sarebbero andati avanti per 7 anni, durante i quali i due non avrebbero consumato nessun rapporto sessuale, bensi avrebbero solo fatto uso smodato di cocaina.

Il trans ha affermato di aver conosciuto l'ex governatore della Regione Lazio nel 2002, e di averlo abbordato nella zona di via Flaminia a Roma con la macchina. Quindi ha ammesso che Marrazzo le ha subito regalato 10 mila e 200 euro, per poi arrivare col passare del tempo anche a dargli oltre 17.000 euro di regali in denaro.

Inoltre Paloma, ha aggiunto che Marrazzo durante gli incontri con lei, consumava sempre quantità ingenti di cocaina, e che a volte avrebbe elargito una  somma di 1000 euro al trans al fine di acquistare altra droga. E di averla ricevuta anche nella sede della Regione Lazio.

Infine il trans ha dichiarato ai pm che tra il 2 e il 3 luglio del 2009, ossia nei giorni in cui ci fu l'irruzione dei carabinieri infedeli nell'appartamento dove si sarebbero appartati Marrazzo e la trans Natali, "Marrazzo stette con me fino alle 5 di mattina, facemmo uso di droga.

Poi nel pomeriggio successivo mi richiamò e andai a casa sua sempre per incontri a base di cocaina".

Luca Petrucci, avvocato difensore dell'ex-governatore della Regione Lazio, ritenendo calunniose le affermazioni del trans Paloma, ha dichiarato queste parole alla stampa: "Denunceremo Paloma per calunnia. Il suo racconto è denso di fatti inverosimili e per questo acquisiremo i verbali d'udienza della sua testimonianza resa in aula e la denunceremo per calunnia.

Per entrare negli uffici della Regione - prosegue il legale - ci sono precise procedure di identificazione, servizi di sicurezza, telecamere. Insomma possibile che nessuno ha visto?". Seguiremo con attenzione l'evolversi della vicenda. 

Segui la nostra pagina Facebook!