Si era portato in casa un giovane amante a pagamento, per consumare una notte di divertimento, e invece un uomo romano ha vissuto un vero e proprio incubo. Il ragazzo che aveva portato con sé, infatti, si è rivelato un ladro e un aggressore e ha messo anche a repentaglio la vita del cliente. Quest'ultimo, infatti, è riuscito ad evitare guai peggiori lanciandosi dalla finestra della propria camera da letto e andando in ospedale, grazie all'aiuto di un passante che lo ha soccorso. La notte di terrore è avvenuta la scorsa settimana: l'uomo si era recato in Valle Giulia, zona di Roma che si trova fra Villa Borghese e la collina dei Parioli, per incontrarsi col giovane gigolò con il quale aveva già avuto esperienze precedenti. Insieme si sono recati a casa della vittima per consumare il loro rapporto intimo. Una volta giunti nell'appartamento, il cliente si è allontanato un attimo e quando è tornato nella sua camera, ha trovato il giovane che frugava nel suo marsupio. Una volta scoperto, l'amante a pagamento si è precipitato a chiudere la porta d'ingresso e a far sparire le chiavi, quindi ha rotto un bicchiere e con un vetro tagliente in mano ha minacciato il padrone di casa intimandogli di consegnargli tutti i soldi. Quest'ultimo, spaventato, ha subito obbedito, ma questo non è bastato per liberarsi del giovane aggressore.

Infatti, subito dopo aver intascato i soldi, il ragazzo ha cominciato a malmenare la vittima, chiamando anche al telefono un complice affinché lo raggiungesse. In un secondo momento, il ladro ha preso una valigia, l'ha aperta e ha cominciato a riempirla con tutti gli oggetti che trovava in casa. Il cliente del gigolò - delinquente, approfittando di un momento di distrazione del ragazzo, ha deciso di scappare gettandosi dalla finestra della sua camera da letto. Subito dopo l'impatto con l'asfalto della strada, è stato portato in ospedale da un passante che aveva assistito a tutta la scena. Ricoverato in prognosi riservata, l'uomo romano ha denunciato l'accaduto alla polizia.

Gli agenti del commissariato San Giovanni sono partiti dal numero di telefono del rapinatore che era in possesso della vittima. Da lì sono partiti una serie di controlli e, grazie alle banche dati e ai social network, gli investigatori sono riusciti a risalire all'identità del presunto ladro e ad averne anche un'immagine. La vittima ha riconosciuto l'aggressore, un 22enne rumeno già noto alle forze dell'ordine, che si sono appostate nei pressi della stazione di Roma Termini e di Valle Giulia, frequentate dal ricercato, fino a quando non sono riuscite ad arrestarlo con l'accusa di rapina aggravata. Per il complice, chiamato in un secondo momento dal ladro, è partita una denuncia per favoreggiamento personale.