Le indagini intorno al caso di Elena Ceste proseguono, le ultime news ad oggi confermano la volontà della procura di Asti di voler sentire nuovamente il marito, Michele Buoninconti. Michele dovrà effettivamente spiegare molte cose agli inquirenti, le sue contraddizioni hanno destato sospetti negli ultimi tempi e c'è chi inizia a sospettare che Elena sia stata uccisa per gelosia. Il movente passionale è spesso il motivo principale dei femminicidi che avvengono nel nostro Paese, dunque non stupirebbe scoprire che anche la mamma di Costigliole d'Asti sia caduta vittima della gelosia folle del marito.

Quel che è certo è che qualcosa nel matrimonio di Elena scricchiolava, e che l'apparente serenità di una famiglia con 4 figli, era davvero solo apparente. Sono emersi, nel corso dell'indagine, diversi scheletri nell'armadio, che forse Elena aveva tentato con tutte le forze di nascondere, ma che poi Michele potrebbe aver scoperto sul cellulare. Proprio intorno alla scheda telefonica utilizzata da Elena si stanno concentrando gli inquirenti, il dubbio è che il marito abbia letto involontariamente, utilizzando il cellulare della moglie, messaggi compromettenti di una presunta relazione o simpatia che Elena aveva intavolato con un altro uomo.

Le ultime news su Elena Ceste fanno emergere anche una possibile svolta agghiacciante dell'indagine: si parla sempre più spesso di avvelenamento, questo potrebbe giustificare l'assenza di macchie di sangue. Inoltre, i sospetti su Michele si sono acuiti dopo i risultati delle analisi sui vestiti di Elena che risulterebbero assolutamente puliti, quindi certamente non indossati il giorno della sua sparizione.

Peccato però che il marito continui a ribadire il contrario, ossia che gli abiti sono quelli che Elena aveva la mattina della sua scomparsa e che erano asciutti perché lui stesso li aveva asciugati con l'aria calda dell'auto.

Troppe contraddizioni dal mistero del telefono a quello dei vestiti, cosa nasconde Michele? Avrà davvero ucciso lui la moglie per gelosia? Rimaniamo in attesa di ulteriori sviluppi e vi chiediamo una vostra opinione al fondo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!