Forse voleva festeggiare in modo "originale", con una bravata, la maggiore età appena compiuta, e ha così deciso di arrampicarsi sulla recinzione esterna del Colosseo. Ma il destino gli ha giocato un brutto scherzo: il giovane padovano ha perso l'equilibrio e si è schiantato al suolo dopo essere precipitato da un'altezza di circa cinque metri. Adesso si trova ricoverato all'ospedale San Giovanni e lotta fra la vita e la morte.

Il drammatico episodio è accaduto all'alba di lunedì 8 settembre. Intorno alle 5 del mattino, il ragazzo veneto, in gita nella Capitale insieme ad alcuni amici, ha voluto arrampicarsi sulla recinzione del Colosseo per entrarvi clandestinamente. Ha cominciato la sua scalata dal lato di piazza del Colosseo e, all'improvviso è precipitato giù ed è rovinato in terra nei pressi dell'ingresso del più grande anfiteatro del mondo.

Sul luogo della tragedia sono accorsi i carabinieri e i soccorsi che prontamente hanno trasportato il ragazzo all'ospedale. Per fortuna l'ambulanza ha fatto in tempo a portare il giovane all'ospedale San Giovanni, dove adesso si trova ricoverato in gravissime condizioni. Non si sa, infatti, se il ragazzo riuscirà a salvarsi, poiché pare abbia riportato delle gravi ferite che potrebbero addirittura risultargli fatali. Le forze dell'ordine, nel frattempo, stanno indagando per capire quale sia stato il motivo che ha spinto il padovano a compiere quel pericoloso gesto.

Dalle prime informazioni raccolte dai carabinieri, pare che il ragazzo, appena diventato maggiorenne, volesse festeggiare in modo "particolare" i suoi 18 anni. Perciò avrebbe deciso di compiere una bravata, magari l'ultima da ragazzino prima di entrare ufficialmente nel mondo "adulto" e si sarebbe lanciato alla scalata della recinzione del Colosseo. A questo punto, non resta che sperare che la giovane vittima riesca a sopravvivere e possa raccontare in prima persona perché, all'alba del suo diciottesimo compleanno, ha deciso di mettere a repentaglio in un modo così assurdo la sua vita.

Segui la nostra pagina Facebook!