Dopo aver perquisito una decina di abitazioni ed alcune automobili di persone residenti nella frazione di Canneto di Caronia in provincia di Messina, dove dal 2004 ci sono misteriosi incendi, è stata notificata un'informazione di garanzia a Giuseppe Pezzino, di 25 anni, che avrebbe appiccato li fuoco ad alcune suppellettili della propria casa tra il 20 luglio e l'8 ottobre scorsi. L'incriminato è figlio di Nino Pezzino, presidente del comitato di cittadini che si è costituito per cercare di capire di chi fosse la colpa.

Pubblicità
Pubblicità

Nel rogo del 28 luglio, dove le fiamme sembravano partire da un armadio e propagarsi in camera da letto, rimasero leggermente ustionati proprio Nino e Giuseppe.

Si ritorna così all'inizio della vicenda quando, dieci anni fa, si pensava che gli incendi fossero appiccati dagli abitanti per farsi risarcire dalle assicurazioni, in quanto in quella zona il valore delle case andava diminuendo. A quei tempi la procura di Mistretta aprì un fascicolo d'indagine che venne poi archiviato e la Protezione Civile istituì un gruppo per indagare sugli apparentemente strani fenomeni.

Pubblicità

C'è però da dire che la spiegazione degli incendi dolosi spiegherebbe solo una minima parte delle centinaia di episodi che si sono susseguiti nel paese. Rimangono tuttora inspiegabili la maggior parte degli strani roghi che esulano da spiegazioni semplicistiche.

Il sindaco di Caronia, Carogero Beringheli, ha esclamato "Sono convinto che Pezzino dimostrerà la sua estraneità ai fatti, comunque io stesso, insieme a rappresentanti di forze dell'ordine e giornalisti di tv nazionali, ho visto oggetti prendere fuoco dal nulla".

A breve ci sarà un tavolo tecnico a Roma, ed il sindaco spera che si vada avanti per studiare ed analizzare questi strani fenomeni che si ripetono da diversi anni e che non possono essere imputabili a un piromane. In questo momento però sembra prendere piede l'ipotesi del complotto architettato dagli abitanti per attirare l'attenzione dei media, più delle altre ipotesi che vedrebbero implicate armi elettroniche o addirittura extraterrestri ed interventi demoniaci, ma non facciamo fatica a pensare che il mistero continui e non si esaurisca qui.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto