Il virus da Ebola non si ferma e non cessano le segnalazioni su nuovi casi sospetti in tutta Europa. Come abbiamo già detto in un articolo antecedente anche l'Italia è in uno stato di massima allerta ed è pronta a fronteggiare il virus che a quanto pare secondo l'OMS nel mese di novembre 2014 dovrebbe raggiungere 20mila nuovi casi di contagio.



L'OMS in questi giorni ha dichiarato che al momento l'unica cura per sconfiggere l'Ebola proviene dal sangue di quei soggetti che nonostante sono stati contagiati dal virus mortale, in seguito si sono ristabiliti totalmente.

Nel frattempo si registrano nuovi casi di contagio del virus da Ebola in Europa, infatti di questa drammatica situazione vediamo come protagoniste Parigi, Madrid e Copenaghen, scopriamo nel dettaglio di che cosa si tratta.

Parigi la capitale francese, si ritrova al centro della cronaca a causa di un caso sospetto da Ebola, dove pare che un'operatrice sanitaria, dopo essere stata a contatto con una collaboratrice di Medici Senza Frontiere in Liberia, sia stata infettata dal virus. Attualmente il Ministro della Sanità francese non ha ribadito nulla su questo episodio.

Per quanto riguarda la città di Madrid pare vi sia un nuovo contagiato da Ebola, trattasi di un missionario di origine spagnola ritornato dalla Liberia e secondo il giornale El Mundo quando il prete è stato trasportato e ricoverato d'urgenza in un centro ospedaliero, la sua temperatura corporea misurava 37,6 gradi.

Ancora a Madrid, un passeggero di origine nigeriana che si trovava in un volo della compagnia aerea Air France che giungeva da Parigi, ha dato segnali sintomatici del virus da Ebola, come tremori e temperatura corporea elevata.

L'uomo, trasportato immediatamente al centro ospedaliero Carlo III, è in attesa degli esiti di ulteriori test di laboratorio. Mentre a Copenaghen, in Danimarca, si è registrato un altro caso sospetto da Ebola, dove il soggetto è stato trasportato e ricoverato nel centro ospedaliero Hvidore con sintomi simili al tanto temuto virus. Per questo motivo il paziente è stato subito isolato in attesa degli esiti delle analisi di laboratorio.

La redazione giornalistica Ritzau ha dichiarato che il paziente in questione pare sia un operatore sanitario di Medici Senza Frontiere rientrato dai Paesi dell'Africa.

Intanto in Italia, in seguito ad una riunione straordinaria, Beatrice Lorenzin, Mogherini, Alfano, Pinotti e Lupi hanno annunciato l'aumento dei sistemi di sicurezza negli aeroporti e negli scali aeroportuali, ma cosa altrettanto fondamentale di disporre di due aerei dell'Aeronautica Militare C-130 in caso si dovessero condurre nel minor tempo possibile potenziali soggetti con sintomi da virus da Ebola nei centri ospedalieri attrezzati a questo tipo di emergenze, come l'ospedale Sacco di Milano e l'ospedale Spallanzani di Roma.

Segui la nostra pagina Facebook!