È siciliano il primo paziente italiano colpito da Ebola, l'uomo sta bene ed è arrivato stamattina in Italia. C'è uno stretto riserbo sulla vicenda dell'ultimo contagio del virus dell'ebola, le notizie sono poche ma ciò che si sa al momento su questo primo caso di infezione in Italia è che l'uomo si chiama Fabrizio, ha cinquant'anni ed è di origini siciliane. La notizia appresa ieri ha fatto il giro del mondo, e dopo tutte le dovute precauzioni, questa mattina l'uomo è stato trasferito, dopo un viaggio di sei ore, allo Spallanzani di Roma dove si trova ricoverato in isolamento.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Un'ambulanza speciale e una barella di isolamento lo hanno condotto nel nosocomio romano. L'uomo adesso sta bene, lo ha riferito lui stesso parlando con i familiari. L'ebola al momento si sta manifestando con i primi sintomi, e Fabrizio ha rassicurato tutti dicendo di sentirsi bene.

Non si sa quando e come il medico siciliano abbia contratto il virus dell'ebola, ma per lui sono già state avviate le procedure, anche se c'è il riserbo sulle terapie che saranno somministrate.

La famiglia chiede silenzio: "Non si specula sulle persone"

La missione di Fabrizio stava per concludersi, ancora pochi giorni e l'uomo sarebbe rientrato a casa. Sul suo profilo Facebook pochi giorni fa aveva scritto di sentirsi dispiaciuto per i suoi colleghi che avevano contratto l'ebola. Oggi la moglie chiede rispetto per lei e per i suoi figli, la donna non ha incontrato il marito ma lo sente tramite sms. Il medico di Emergency, contagiato in Sierra Leone, è curato da un team di trenta persone, medici specializzati che si stanno prendendo cura di lui. Fabrizio è costantemente seguito e monitorato, e in contatto con l'esterno attraverso la tecnologia.

I migliori video del giorno

Usa il telefono cellulare per scrivere, e un tablet per comunicare con l'esterno e tenersi aggiornato con tutto ciò che succede fuori. Il sacerdote gli ha fatto trovare un vangelo sul comodino della stanza, tutto quello che il medico che ha contratto il virus dell'ebola sta toccando verrà distrutto come da protocollo.