Il caso di Elena Ceste sta sempre più sconvolgendo l'opinione pubblica, specialmente dopo la puntata di ieri di "Chi l'ha visto". Sono infatti emerse numerose novità, che gettano altri interrogativi su questo triste caso di cronaca. E' principalmente la posizione del marito Michele Buoninconti che risulta assai contraddittoria. Le sue dichiarazioni, infatti, non sono lineari e i maggiori sospetti si concentrano su di lui, soprattutto dopo la scoperta che la donna aveva un amante, un meccanico quarantaduenne che frequentava abitualmente e che aveva conosciuto su Facebook. Michele Buoninconti, dunque, avrebbe uccso la donna per un folle atto di gelosia.

Ma vediamo quali sono state le dichiarazioni che hanno sorpreso tutti coloro che hanno seguito la vicenda. 

Ultime news Elena Ceste, Michele mente?

Il marito di Elena Ceste, nell'ultima puntata di "Chi l'ha visto", ha dichiarato di avere trovato gli occhiali della donna in un secondo momento. Ciò contrasta ampiamente su quanto dichiarato dallo stesso Michele precedentemente. Infatti, il marito della donna aveva confidato al parroco di Castiglione D'Asti, don Michele,  di avere trovato gli occhiali insieme al cadavere della donna. Dunque, s'infittiscono i dubbi sulla posizione del marito, che rimane il principale sospettato dell'omicidio. Perchè Michele dovrebbe mentire così palesemente? 

Ultime news Elena Ceste, misteriosa bottiglietta vicino al cadavere

Nell'ultima puntata di "Chi l'ha visto" si è parlato anche della bottiglietta che è stata ritrovata vicino al corpo morto della donna.

I migliori video del giorno

Sono state fatte due ipotesi: alcuni ritengono che essa avrebbe contenuto un medicinale, come uno psicofarmaco o un ansiolitico (e ciò testimonierebbe la cattiva salute mentale della donna), mentre altri pensano che la bottiglietta si trovasse lì per caso, come qualsiasi altro rifiuto. Dunque, permangono ancora tantissimi dubbi su questo triste caso che ha sconvolto l'opinione pubblica. In particolare, c'è completa oscurità sulla posizione del marito Michele.