Una camera degli orrori, giovani donne vittime di violenza e dei bambini malnutriti e abbandonati al loro destino. Questo terribile scenario si è aperto dinanzi alla polizia della Georgia, quando si è recata nel luogo in cui viveva Calvin Mcintosh, 44 anni, che per seguire un culto, prima islamico poi legato all'antico Egitto, aveva rapporti incestuosi con una figlia, abusava di una ragazza rapita e non si prendeva alcuna cura dei bambini nati da quei rapporti sessuali.

Quest'abominevole situazione è venuta alla luce per caso, in seguito alla morte di Alcenti, una bimba di appena 15 mesi, figlia di Mcintosh. Siccome la piccola stava molto male, l'uomo l'ha portata all'ospedale della contea di Gwinnett.

La bambina era in uno stato pietoso: malnutrita e presentava numerose ferite derivanti da abusi. Dopo qualche ora di ricovero non ce l'ha fatta ed è morta. I medici, insospettiti dalle terribili condizioni in cui avevano trovato la vittima, hanno deciso di avvisare la polizia, lasciando l'indirizzo dove l'uomo aveva detto di abitare.

Quando sono giunti all'Extended Stay Hotel e hanno sfondato la porta della camera in cui risiedeva Mcintosh, i poliziotti si sono trovati dinanzi ai loro occhi uno spettacolo a dir poco raccapricciante. C'erano due bambini di 5 e 3 anni sporchi e malnutriti, vi era una ragazza di circa 23 anni, Najlaa Mcintosh, figlia del 44 enne e poi c'era Iasia Sweeting, 21 enne, scomparsa 4 anni fa. Le ragazze erano le "bambole" dell'uomo: questi, infatti, aveva rapporti incestuosi con la figlia e poi abusava anche di Iasia.

I migliori video del giorno

Naturalmente, da questi continui abusi sessuali erano nati dei figli e Ascenti, la bimba deceduta, era figlia della giovane rapita.

Calvin Mcintosh si comportava in questo modo atroce perché seguace di un antico culto che, nato nell'ambito dell'Islam, è stato poi trasferito alla teologia dell'antico Egitto e quindi collegato all'ufologia. Il movimento, fondato nel 1967, sostiene la supremazia razziale delle persone di colore, la presenza di extraterrestri e basa tutti i suoi princìpi su una teoria della cospirazione. Il fondatore di questa setta, Dwight York, è stato arrestato e dal 2002 è rinchiuso in carcere, dove dovrà scontare 135 anni di prigione.

La polizia statunitense, una volta scoperti gli orrori di cui si è macchiato Mcintosh, lo ha arrestato con una lunga serie di imputazioni. La principale è quella di omicidio della piccola Alcenti, poi ci sono accuse di crudeltà sui bambini, crudeltà verso una donna adulta, stupro, incesto e sodomia. Anche la figlia 23 enne Najlaa è finita in manette con le accuse di omicidio, crudeltà verso i bambini e verso un'adulta.

Per quanto riguarda Iasia, invece, le forze dell'ordine hanno avvisato la famiglia alla quale era stata portata via nel 2010. I genitori, commossi e felici, hanno raccontato che quando è stata rapita, la figlia pesava 50 chili mentre oggi, dopo gli abusi subiti da Mcintosh, è malnutrita e pesa soltanto 26 chili. Ora è ricoverata in ospedale e sottoposta alle cure dei medici, nella speranza che possa riprendersi presto e tornare ad una vita normale.