Il caso di Loris Stival sta interessando abbondantemente l'opinione pubblica, i giornali di cronaca ed anche il web. I social network come da tradizione, innescano sempre dei meccanismi che possono ricevere consensi come polemiche. Questo purtroppo è il secondo caso. Il nonno del piccolo Andrea Loris Stival infatti, si è scagliato contro un gruppo nato su Facebook che si chiama: 'Veronica Panarello è innocente'. Ovviamente queste prese di posizione così forti e chiare, in un contesto talmente delicato possono (giustamente) scatenare delle polemiche, specie da parte dei diretti interessanti. Andrea Stival infatti - nonno del piccolo Loris - non ci sta ed ha invitato le persone della pagina ad avere rispetto per la vicenda che interessa il piccolo nipotino strappato alla vita a soli otto anni.

La pagina Facebook convinta della totale innocenza della madre di Loris, Veronica Panarello, in pochissime giornate ha ottenuto moltissimi "Mi piace" a testimonianza che sono in molti - nonostante tutto - a sostenere la donna.

Caso Loris Stival, il nonno paterno chiede rispetto e si scaglia contro una pagina Facebook

Andrea Stival, nonno di Loris e padre di Davide, si è scagliato contro la pagina Facebook in questione chiedendo rispetto e silenzio. L'uomo aveva già chiesto privatamente agli amministratori di chiuderla, ma la pagina continua a campeggiare fieramente su Facebook ed anzi, di recente gli amministratori della stessa hanno scritto una stato Facebook precisando che il nonno del piccolo Loris Stival è il nonno paterno e quindi padre di Davide. Al contrario, il nonno e la zia di Veronica Panarello secondo quanto scritto nella pagina, prendono parte alla stessa attivamente ed interagiscono sostenendo l'innocenza della madre del piccolo Loris Stival.

I migliori video del giorno

Nel frattempo - per quanto riguarda il Caso Loris Stival - le ultime news ci fanno sapere che il 31 dicembre 2014 il Tribunale riesaminerà la richiesta da parte degli avvocati di Veronica Panarello per decidere se accettare o meno la richiesta di rilascio e quindi la libertà. Nelle ultime ore comunque, tornando all'argomento della pagina, pare che anche il padre di Veronica, Francesco Panarello abbia commentato ringraziando per il sostegno che alcuni internauti stanno offrendo alla figlia.