Dopo le ultime notizie che parlavano di un peggioramento delle condizioni di salute del medico di Emergency colpito da virus di ebola, pare che il pericolo stia rientrando. Sul paziente, infatti, è stato provato un nuovo farmaco, mai sperimentato per i precedenti contagi, per fermare il peggioramento delle condizioni di salute. L'ultimo bollettino medico parlava, infatti, di malattia in fase acuta, con il paziente in uno stato di profonda spossatezza, aggravato da vomito e nausea, anche se chi lo sta seguendo dice che riesce a comunicare con la famiglia e che respira sempre autonomamente.

Prossime ore fondamentali per medico di Emergency

Quello utilizzato per curare il medico di Emergency affetto da virus di Ebola è il terzo metodo sperimentale, un trattamento che dovrebbe servire a rafforzare le sue difese immunitarie.

Finora al medico erano stati somministrati farmaci antivirali che però non hanno dato i risultati sperati. Il medico ricoverato allo Spallanzasca di Roma si trova nel nosocomio da qualche giorno, nel reparto dove l'uomo è ricoverato sono state attivate tutte le misure di sicurezza e di isolamento. Non è ancora ben chiaro come il medico abbia contratto il virus dell'ebola, lui sostiene di avere seguito al meglio le direttive ma qualcosa deve essere andata male. Cresce l'ansia per le sue condizioni, la famiglia ha scelto di chiudersi nel più stretto riserbo, ma il gruppo di medici che si sta occupando del caso è fiducioso, è un uomo forte e tende a reagire agli stimoli circostanti, nonostante abbia iniziato a soffrire di attacchi di sonno. L'uomo aveva lavorato in Africa, e prevalentemente in Sierra Leone, zona in cui il virus dell'ebola continua a mietere vittime.

I migliori video del giorno

Il peggioramento delle condizioni di salute aveva messo in allarme tutti, e anche se c'è stato un miglioramento, le prossime ore saranno fondamentali e si spera che questo terzo trattamento possa diminuire le infiammazioni sul paziente. Nei prossimi giorni si cercherà di capire perché i farmaci finora usati da altri pazienti colpiti dal virus dell'ebola hanno salvato la vita e guarito i contagiati, mentre non è successa la stessa con questo ultimo caso.