Non siamo giunti ancora ad una conclusione riguardante il caso della morte di Elena Ceste, la mamma di Costigliole d'Asti, di cui si sono perse le tracce lo scorso gennaio 2014, fino al ritrovamento del corpo avvenuto a fine ottobre nei pressi di un canale di scolo che si trovava a pochissima distanza dalla casa della donna. Gli ultimi aggiornamenti al mese di dicembre circa la morte di Elena Ceste, ci riportano alle notizie rivelate dall'ultimo numero del settimanale Giallo in edicola questa settimana, dove sono state riportate le dichiarazioni esclusive di Michele Buoninconti, il marito della donna, il quale avrebbe confessato ad alcuni amici di famiglia che adesso il suo obiettivo è quello di "uccidere un giorno gli amici di sua moglie Elena", quelli che negli ultimi tempi non facevano vivere serenamente sua moglie e che secondo lui l'hanno portata alla morte.

Elena Ceste aggiornamenti: restano i dubbi, il movente è la gelosia?

Stando alle ultime news riportate dal settimanale Giallo, dietro il caso della morte di Elena Ceste si nasconderebbe il movente della gelosia: non si esclude, infatti, che Michele avrebbe potuto scoprire i presunti tradimenti di sua moglie, magari venendo a conoscenza degli sms che la donna si scambiava con quelli che lui definisce "gli amici di mia moglie"e per questo motivo sarebbe stato preso dal raptus di follia. Gli ultimi aggiornamenti al mese di dicembre 2014 riguardanti la morte di Elena Ceste ci riportano anche al giallo delle dichiarazioni fatte dalla figlia 13enne della coppia Elena-Michele, la quale raccontò che la mattina della sparizione sua madre fece colazione con loro prima che i ragazzi venissero accompagnati a scuola dal padre: non si esclude che la ragazzina possa aver mentito in questo suo racconto e che quindi Elena quella mattina non abbia fatto colazione con Michele e con i figli e quindi potrebbe essere stata uccisa anche nella notte tra il 23 e 24 gennaio 2014. Quando arriverà la verità definitiva sul caso di Elena Ceste? Michele è colpevole oppure estraneo ai fatti?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto