Secondo il Gip di Ragusa Claudio Maggioni, Veronica Panarello, Madre di Loris in carcere a Catania da qualche giorno, sarebbe la responsabile della morte del figlio. A questa conclusione il Gip sarebbe giunto in quanto la donna ha mentito su alcune circostanze fondamentali come quella di avere accompagnato fino a scuola il figlio, cosa non avvenuta. Pertanto per il giudice l'unico motivo plausibile per cui la donna di fronte alla tragica morte del piccolo figlio si ostini a mentire e scelga negli ultimi giorni di rimanere in silenzio, è che lei stessa è la responsabile dell'omicidio del bambino.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Il Gip inoltre, nell'ordinanza di convalida sottolinea in maniera piuttosto evidente la cinica condotta della madre e l'evidente volontà di infliggere alla vittima delle sofferenze.

Secondo il Maggioni, dalla ricostruzione dei fatti emergerebbe un quadro indiziario di rilevante gravità e la mancanza per il momento di un movente plausibile non assume rilevanza. Inoltre nell'ordinanza si giustifica il fermo della donna con il pericolo di fuga della stessa che a quanto pare era particolarmente fondato vista e considerata la gravità delle accuse che le vengono mosse. Nella ricostruzione del Gip si ipotizza che la donna abbia ucciso il figlio strangolandolo con una fascetta stringicavo in plastica di cui aveva disponibilità e abbia poi avuto tutto il tempo per disfarsi del corpo gettandolo nel canale di scolo dove è stato trovato, lo stesso giorno in cui avrebbe commesso l'omicidio. Infatti secondo il Giudice in base alle indagini si può affermare che la donna sia passata quella mattina dal luogo in cui è stato trovato il cadavere del bambino 2 volte, una alle 8:33 e una alle 9:25, il tutto stando a quanto si evince dai filmati delle telecamere che hanno registrato il passaggio dell'auto della donna.

I migliori video del giorno

In particolare stando al Gip, il secondo passaggio sarebbe perfettamente compatibile con l'ora della morte del bimbo avvenuta tra le 9 e le 10. Sempre nell'ordinanza si afferma come la donna abbia negato di essere passata dal luogo dove è stato ritrovato il corpo di Andrea Loris Stival, circostanza smentita dalle immagini delle videocamere. Ricordiamo infine che la donna è stata fermata con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere ed è tuttora detenuta presso il carcere di Piazza Lanza a Catania.