Dopo l'interrogatorio di ieri, durato diverse ore, l'uomo che ha trovato il corpo del piccolo Loris è stato iscritto nel registro degli indagati. "È un atto dovuto", con queste parole è stato giustificato il motivo di aver iscritto Orazio Fidone nel registro degli indagati. Il motivo sarebbe quello di poter eseguire gli esami tecnici del caso. Il corpo senza vita del piccolo Loris è stato trovato proprio dall'uomo che nella giornata di ieri è stato sentito per circa otto ore dagli inquirenti. La moglie, proprio ieri aveva parlato di una famiglia sconvolta e di un uomo che pu avendo dato il suo aiuto, adesso si trova inquisito e con gli occhi di tutti addosso.

A quanto pare, però, visto il secondo interrogatorio a cui è stato sottoposto l'uomo in poche ore, c'è qualcosa che riguarda i fatti raccontati dal cacciaotore, che forse non ha convinto del tutto gli inquirenti che stanno passando a setaccio ogni cosa. Intanto si moltiplicano gli appelli alla popolazione Santa Croce Camerina, chi sa parli, qualunque dettaglio, anche banale, può diventare indicativo.

Loris: ritrovato paio di slip

Nelle ultime ore era trapelata la notizia che il corpo del bambino era stato ritrovato senza slip, e proprio oggi un paio di slip di colore blu è stato trovato davanti la scuola.

Non si sa ancora se le mutandine appartengano al bambino o se si tratta di qualche bravata. Saranno le analisi e l'autopsia ad accertare, dopo la morte per strangolamento, se il piccolo Loris ha subito anche una violenza sessuale.

Loris: come si stanno muovendo le indagini

Gli inquirenti hanno pochi dubbi, Loris si è fidato di qualcuno che conosceva e l'ha seguito. Dai racconti si è appreso che fosse un bambino introverso, ma che non marinava la scuola.

La paura più grande, se dovesse essere confermata la violenza sessuale, che forse non era la prima volta che Loris seguisse il suo aguzzino, ma che in questo caso, qualcosa deve essere andato storto, così da convincere l'assassino a liberarsi del corpicino. Si continua a cercare lo zainetto e proseguono i sopralluoghi da parte della Polizia.

Segui la nostra pagina Facebook!