Novità per ciò che riguarda la vicenda della morte del piccolo Loris Stival, solo 8 anni: come forse sapete la madre Veronica si trova in carcere ad Agrigento e quindi si pone il problema del fratellino di Loris e cioè il piccolo Diego di 4 anni. Il padre Davide lavora infatti lontano da casa, perché fa l'autotrasportatore. Chi seguirà Diego a questo punto?



Va segnalata l'iniziativa del sindaco di Vittoria, città non lontana da Santa Croce Camerina, che ha deciso di proporre un inserimento lavorativo al padre, che ha 29 anni. Il primo cittadino ha preso parte alla cerimonia funebre e si è confrontato col legale di Davide Stival giungendo alla conclusione che c'è la necessità di offrire una soluzione lavorativa più adeguata alla situazione familiare venutasi a creare dopo le drammatiche vicende del 29 novembre 2014, quando Andrea Loris è stato ritrovato morto nei pressi di un mulino.



Per questa triste storia di cronaca nera tutti i sospetti portano a Veronica Panarello che continua peraltro tenacemente a dichiararsi non colpevole nonostante il fatto che le immagini riprese dalle telecamere dimostrino che ha detto alcune cose non rispondenti al vero.

Le indagini proseguono anche durante il periodo natalizio. L'opinione pubblica è stata duramente segnata da tale vicenda.



Secondo gli investigatori Loris è stato ucciso per strangolamento con l'utilizzo di fascette generalmente usate dagli elettricisti. Una volta agganciate, queste fascette non possono più essere sciolte: devono necessariamente essere tagliate. Il bimbo è stato poi gettato da un'altezza di oltre 2 metri in un luogo relativamente isolato, nei pressi di un Mulino, dove è stato poi rinvenuto da un pensionato che partecipava alle ricerche.

Di certo il tentativo di occultamento del corpo è stato a dir poco maldestro e indicativo di una notevole confusione mentale dell'assassino, che è stato però abile a far sparire lo zainetto scolastico della vittima.

I migliori video del giorno

Secondo alcuni quello zainetto potrebbe dirci molto sull'omicidio di Andrea Loris: forse su di esso sono presenti impronte di una seconda persona coinvolta?