Dopo una lunghissima notte d'interrogatori e di esami questa mattina è arrivato sul luogo della zona del "Mulino vecchio" un team di 10 super investigatori della "SCO" e della polizia scientifica che stanno continuando senza sosta le indagini per trovare l'assassino del bimbo di 8 anni, Loris Andrea Stival strangolato e gettato in un fosso a Santa Croce Camerina in provincia di Ragusa. Intanto dopo 10 ore ininterrotte d'interrogatorio il cacciatore che ha trovato il piccolo senza vita nel fosso ha ricevuto un avvio di garanzia come "Atto dovuto" dopo il sequestro delle sue due automobili e dei vestiti per eseguire esami "irripetibili"; inoltre Oscar Fidone è stato denunciato per detenzione illegale di armi ritrovate nella sua casa e risalenti alla seconda guerra mondiale.

In queste ore sta crescendo l'angoscia e la disperazione dei familiari che chiedono di scoprire la verità e il rispetto del loro dolore per la scomparsa del piccolo Andrea; la zia paterna ha lanciato un appello su Facebook per ritrovare lo zainetto scomparso con la scritta "Toy Story" mentre la Procura di Ragusa durante una conferenza stampa ha lanciato l'appello alla popolazione di rompere il muro dell'omertà.

Omicidio Loris, gli investigatori: "Conosceva la persona che era alla guida" e la procura: "Morte per strangolamento, ma le violenze sessuali per ora non sono sicure"

Al momento gli investigatori stanno analizzando le telecamere di sorveglianza di tutto il comune e i tabulati telefonici per risalire al proprietario dell'auto sulla quale il bimbo ucciso sarebbe salito prima di entrare a scuola e che lo ha portato al Mulino vecchio, una zona abbandonata dove l'assassino lo ha strangolato e gettato nel fosso di cemento alto quasi tre metri.

I migliori video del giorno

Per non alimentare una "caccia al mostro" sommaria che potrebbe ostacolare le indagini degli inquirenti e per non gettare il panico nei cittadini al momento sotto choc dove tutti stanno sospettando di tutti ma nessuno parla, il capo della procura ha dichiarato che dagli esami dell'autopsia gli abusi non sono certi. Quindi non ha né smentito né confermato l'ipotesi di violenza sessuale sul piccolo Loris.

Ragusa, bimbo ucciso: il giallo degli slip blu trovati davanti alla scuola

Tuttavia secondo alcune indiscrezioni della stampa non confermate dagli inquirenti il bimbo ucciso sarebbe stato trovato senza slip sotto i jeans e in queste ultime ore il Messaggero ha reso noto che un'educatrice infantile di una scuola privata ha consegnato alla polizia un paio di slip blu per bambini trovati a terra sul marciapiede davanti alla scuola di Loris.