3

E' prevista per mercoledì 31 dicembre 2014 a partire dalle ore 9.30, salvo imprevisti dell'ultima ora, l'udienza davanti al tribunale delle libertà di Catania sull'istanza di annullamento dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Ragusa nei confronti di Veronica Panarello, principale indagata per l'omicidio del figlio Loris Stival, strangolato un mese fa a Santa Croce Camerina. Dopo l'udienza del 31 dicembre 2014 i giudici del tribunale del riesame di Catania avranno tempo fino al 3 gennaio 2015 prima di pronunciarsi sulla scarcerazione o meno della mamma siciliana presunta infanticida accusata di omicidio volontario e occultamento del cadavere del figlio.

Caso Loris, Davide Stival attende con 'fiducia e serenità' decisione su scarcerazione Veronica

"Il mio assistito attende la decisione del tribunale del riesame di Catania, su cui ha piena fiducia, con estrema serenità". Lo ha detto l'avvocato Daniele Scrofani, difensore di Davide Stival, il papà di Loris Stival, il bambino ucciso lo scorso 29 novembre a Santa Croce di Camerina (Ragusa) forse dalla madre Veronica Panarello, riferendosi alla udienza davanti al tribunale delle libertà di Catania prevista per domani (31 dicembre) sulla richiesta di scarcerazione avanzata dall'avvocato Francesco Villardita, legale della mamma siciliana presunta infanticida Veronica Panarello, 26 anni, in carcere ad Agrigento dallo scorso 8 dicembre su disposizione di ordinanza di custodia cautelare perché gravemente indiziata di aver ucciso il figlio e di averne poi nascosto il cadavere in una zona di campagna nel Ragusano.

I migliori video del giorno

Caso Loris, Davide Stival 'non vuole ancora incontrare la moglie' accusata dell'omicidio del figlio

A proposito dell'appello rivolto ieri a Davide Stival dal suocero Francesco Panarello dopo che ha incontrato la figlia in carcere ad Agrigento, l'avvocato del padre di Loris ha detto che il suo assistiti "non ha ancora valutato se e quando, eventualmente - ha sottolineato il legale - riprendere i contatti con la moglie". Il suocero aveva detto al genero dopo l'incontro con la figlia: "Veronica è innocente e ti ama, non condannarla prima che emerga la verità. Non abbandonarla, vai a trovarla in carcere".

Delitto Loris Stival, l'indagata Veronica Panarello davanti al Riesame 'molto fiduciosa'

Intanto, Veronica Panarello, in attesa dell'udienza davanti ai giudici del riesame, "è molto fiduciosa", ha dichiarato oggi il suo legale Francesco Villardita "perché sa - ha aggiunto il difensore della presunta infanticida, di essere innocente e quindi si presenterà di fronte ai giudici - ha sottolineato il legale - con l'animo di una persona che non ha commesso alcun crimine".

"In queste ore - ha proseguito l'avvocato Francesco Villardita - la mia assistita non fa altro che pensare a Loris, se la dovessero scarcerare andrebbe subito al cimitero a trovarlo". A Veronica Panarello, come si ricorderà, non è stata data la possibilità di partecipare al funerale del figlio.

Omicidio Loris Stival, il nonno e la zia portano fiori al cimitero e scrivono su Facebook

Intanto l'opinione pubblica continua a diversi tra innocentisti e colpevolisti. Diverse le pagine facebook dedicate al giallo di Santa Croce Camerina. Francesco Panarello, il nonno materno di Loris, ha scritto ieri a un mese dal delitto sulla pagina Facebook "Veronica Panarello è innocente": "Fiori bianchi, rose e balico profumati, come profuma la tua innocenza. Oggi il tuo nonno Ciccio e la zia Antonella insieme a Gianni ti hanno portato, nostro caro dolce angelo Loris. Oggi un mese che sei volato in cielo...".