Novità clamorose per ciò che concerne l'infanticidio del bimbo morto a Santa Croce Camerina (Ragusa) in quanto all'11 gennaio 2015 si scopre che gli investigatori hanno spostato in modo significativo il proprio raggio d'azione. Non solo Veronica Panarello, 26enne madre del piccolo Loris, sarebbe coinvolta nel turpe crimine, ma almeno un'altra persona. Gli inquirenti sono sulle tracce di tre individui ma al momento non ci sono ancora informazioni sufficienti. Ci si era a lungo chiesto come avesse fatto Veronica Panarello a fare tutto da sola e oggi queste riflessioni sembrano trovare il conforto dei fatti, ma solo nei prossimi giorni ne sapremo di più.

Torna attuale anche l'ipotesi del delitto con le modalità della cosiddetta "lupara bianca" che vede cioè quale vittima designata dai clan un bambino. Sono naturalmente tutte ipotesi in attesa di conferme. Nel frattempo Veronica Panarello sembra risentire molto del soggiorno obbligato in carcere e, secondo quanto affermato dal suo legale FrancescoVillardita, sta perdendo peso settimana dopo settimana in quanto depressa dall'impossibilità di vedere il secondogenito Diego, di soli 4 anni. La donna non riesce inoltre a chiarirsi col marito Davide. L'uomo ha accettato di andarla a trovare in carcere, ma solo per chiedere conto dell'accaduto.

Resta il mistero dello zainetto scomparso

Anche il padre della donna si è recato nel carcere di Agrigento allo scopo di farle visita, ma su alcune frasi della donna resta il mistero: perché si ostina a mentire sugli spostamenti in auto di quel 29 novembre 2014? Secondo gli inquirenti le immagini delle telecamere parlano chiaro e raccontano un'altra verità.

I migliori video del giorno

Quel giorno Loris non fu portato a scuola da sua madre. Ricordiamo infine che il suo zainetto scolastico non è mai stato trovato. Secondo voi Veronica - madre di Loris - sta "coprendo" qualcuno? Per quale motivo? Lo sviluppo delle indagini sembra avvalorare questa tesi. In Comune, intanto, si lavora per intestare al piccolo Loris una struttura ricreativa di aggregazione sociale. Si parla di un auditorium.