Sembrano casi, rimasti, finora senza una soluzione. Stiamo parlando di quelli di Elena Ceste e Roberta Ragusa. La prima, scomparsa il 24 gennaio scorso e trovata morta ad ottobre in un canale di scolo a pochi chilometri da casa, la seconda sparita il 13 gennaio del 2012 in piena notte dalla sua villetta di San Giuliano Terme e cui il corpo non è mai stato trovato. Ad oggi, i gialli di queste due donne sembrano insoluti.

Elena Ceste e Roberta Ragusa: a che punto siamo?

Di Roberta Ragusa, a distanza di 3 anni dalla scomparsa, se ne è parlato durante l'ultima puntata di Chi l'Ha Visto con la domanda che affligge un po' tutti: quando sarà processato Antonio Logli, il marito della donna toscana? Gli inquirenti sono convinti da tempo che l'imprenditrice 45enne sia morta e che il marito ne sia il responsabile.

L'uomo aveva un'amante da 6 anni e il movente, a detta degli inquirenti, potrebbe nascondersi proprio dietro l'impossibilità di chiedere una separazione per questioni di denaro. Si attende l'udienza preliminare per Antonio Logli che è stato rinviato a giudizio con la pesante accusa di omicidio e distruzione di cadavere.

Secondo l'Avvocato delle cugine di Roberta, il processo potrebbe essere molto complicato proprio perché il corpo della povera imprenditrice non è mai stato trovato. Bisognerà quindi dimostrare che Roberta sia morta, cosa che tutt'oggi il Logli nega. Stranezze anche per Elena Ceste, la 38enne di Costigliole d'Astisparita un anno fa e trovata cadavere lo scorso ottobre. Anche in questo caso il maggior indiziato resta Michele Buoninconti, marito della vittima, anche se la certezza di come sia morta Elena Ceste non è mai arrivata.

I migliori video del giorno

Intanto il prossimo 23 gennaio, i tecnici della difesa del vigile del fuoco cominceranno un sopralluogo nel luogo in cui fu trovato il corpo di Elena, a caccia di elementi che possano scagionare il marito della Ceste. Si attende anche la data del funerale, che pare ancora incerta. La speranza è che per entrambi questi due casi non si rimanga, come accade spesso, nel limbo dell'incertezza.