Scenari ed ipotesi terribili sorgono riguardo il disastro del traghetto Norman Atlantic, per il quale sono state già aperte tre inchieste. A Bari, la notte scorsa è stata lunga ed intensa per il comandante Argilio Giacomazzi e l'equipaggio, che hanno dovuto sottostare a ben cinque ore di interrogatorio nella capitaneria di porto locale, mentre all'esterno erano presenti i familiari dei marinai in attesa di abbracciare i loro cari scampati al pericolo.

Durante la notte sono purtroppo arrivate nuove salme, in tutto nove, e si è proceduto questa mattina ai riconoscimenti. Tre i riconoscimenti finora accertati, tra i parenti delle vittime era presente anche il console georgiano assieme al familiare di una di esse.

La vittima in questione trattasi di un sacerdote georgiano, il cui parente conferma essere stato a bordo della Norman, tra gli ultimi ad essere salvato e scivolato mentre si era fatto momentaneamente da parte durante le operazioni di salvataggio, per dare la precedenza alle donne e ai bambini. Ci sono inoltre due autotrasportatori campani tra le giovani salme riconosciute mentre nessuna conferma di riconoscimento per il terzo, il più anziano.

Tra queste, ben quattro non sono state identificate e si ignora a chi appartenessero. I sopravvissuti intanto sono riemersi dall'inferno, con gli occhi persi nel vuoto, sono scesi dalle scale della nave San Giorgio con passo ancora spaventato ed insicuro. Era sera inoltrata quando ieri i passeggeri della Norman Atlantic hanno toccato piede a Brindisi, ad accoglierli gli addetti alla protezione civile, i parenti e le autorità.

I migliori video del giorno

La nave è attraccata alle 19:00 al porto civile, ma lo sbarco vero e proprio è avvenuto circa tre ore dopo. Si sono rese necessarie tutte le norme richieste dalla situazione, controllo e riconoscimenti dei vari sopravvissuti. 212 in tutto i passeggeri, tra i quali il comandante Argilio Giacomazzi, più cinque salme. E' stata la fine dell'incubo, per loro ci sono state coperte, cibo ed acqua: le prime avvisaglie di una normalità che solo il tempo potrà far recuperare.