Ha sconvolto tutto il mondo il disastro dell'Airbus A320 della compagnia low cost "Germanwings": l'aereo si è schiantato sulle Alpi francesi, in Provenza, nella zona di Barcellonnette, provocando la morte di centocinquanta persone, tra cui due neonati e sedici studenti liceali. Il responsabile di questa tremenda strage è il copilota Andreas Lubitz, il quale ha fatto perdere volontariamente quota all'Airbus A320, fino a farlo schiantare sulle Alpi francesi. Ma i complottisti fanatici della rete non si sono voluti accontentare della realtà ufficiale e hanno inventato delle teorie alquanto fantasiose per giustificare il disastro.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Vediamo quali sono le versioni di questo esercito di dissennati del web. 

Ultime news Airbus Germanwings, 'Lubitz non è colpevole', ecco le teorie complottiste del web

I complottisti stanno intasando la rete con teorie che non sono assolutamente sostenute da prove certe; così, questi fanatici del web riempiono i social network di notizie che nessun media ha mai divulgato.

In sostanza, la tesi dei complottisti sarebbe quella di non ritenere Andreas Lubitz il responsabile della strage avvenuta lo scorso 24 marzo. Secondo alcuni di questi fanatici, il copilota non sarebbe neanche stato a bordo dell'aereo. I complottisti ritengono che l'aereo sarebbe esploso-disintegrato in volo durante un fallito test militare degli Stati Uniti con armi laser di nuova generazione. I giornalisti europei, influenzati e lautamente pagati dalla Cia, avrebbero montato una messa in scena, nella quale la colpevolezza della totalità della strage verrebbe imputata ad Andreas Lubitz, giudicato un "depresso". Questo sarebbe stata la strategia degli Stati Uniti per nascondere la verità all'opinione pubblica. Secondo i complottisti, il volo sarebbe esploso a causa di un test fallito dagli Stati Uniti contro immaginari obiettivi russi simulati, durante un'esercitazione della Nato.

I migliori video del giorno

Come prova di questa folle teoria riportano il fatto che, dopo la strage dell'Airbus A320, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama non si sarebbe rifiutato di incontrare il capo della Nato Stoltenberg. Insomma, i complottisti dimostrano di non essere assolutamente privi di fantasia. Secondo loro, tutto sarebbe pilotato dai potenti come gli Usa o la Cia e la storia del copilota suicida sarebbe poco originale.